Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Economia e politica: parlare del domani senza leggere l’oggi

22 Marzo 2022

*Per la prima volta che il territorio, imprese incluse, aveva cominciato a programmare il suo futuro, il presente lascia sul tavolo un conto amaro. E questo complica tutto.

La visita della viceministra all’Economia Laura Castelli ha evidenziato la distanza tra politica e vita reale. Perché dire che Zes, ristori a fondo perduto e cassa integrazione mirata non siano oggi la soluzione immediata per tenere in vita le imprese è un errore. Con chi si è confrontata la Castelli venendo a Fermo?

Questa è anche la domanda. Perché invece, via Micam, le richieste del settore calzaturiero, in primis, erano ben chiare. Con tanto di documento fornito al Governo. Ma non è solo questione di scarpe, perché il domani è a rischio per molti altre settori, incluso quello edile che viveva un boom e che guarda con l’acquolina in bocca i fondi del Pnrr, soprattutto quelli per le infrastrutture. Ma senza un intervento reale sui costi dell’energia, che pesa molto anche sulla meccanica, si andrà poco lontano.

Il tema bollette è enorme. Si parla, tra l’altro, sempre di interventi per le aziende, ma le famiglie? I costi fuori controllo impattano sui conti di casa e di conseguenza freneranno i consumi. E se non si consuma, l’economia si ferma. Di certo non solo la moda. Perché dovranno alzare i prezzi anche i ristoranti, oltre ai supermercati, e le famiglie faranno scelte, sacrificando sempre più quello che può far star bene, come una pizza con gli amici, un nuovo orologio, una giacca o un biglietto per il teatro.

Temi che si intrecciano con la crisi umanitaria in Ucraina, che a sua volta impatterà sul sistema locale. Se il Ponte, per stare alla realtà che a Fermo aiuta chi è in difficoltà, diventa il riferimento per gli ucraini, chi aiuterà i tanti italiani che sono finiti sotto soglia di povertà a causa di lavoro perso o costi non più sostenibili? Anche la solidarietà va coordinata e potenziata.

La politica locale ci prova, ma se i sindaci iniziano a parlare di fondi di emergenza da centinaia di migliaia di euro per pagare luce e gas, poi i soldi per i servizi sociali dove li prendono. Ecco, tutto questo è la vita reale di oggi che annebbia la vista sul domani.

*direttore www.laprovinciadifermo.com

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram