Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

#stateacasa

8 Marzo 2020

Un solo messaggio che riassume il cambio di logica, il superamento del nostro egoismo in nome del bene collettivo.

Il problema vero è la nostra incapacità all’ascolto, al rispetto delle indicazioni. Siamo incapaci di autolimitarci, forti del nostro essere ‘più forti’. Per giorni l’Italia, anche nelle zone più colpite, ha vissuto nella logica del ‘possiamo uscirne tranquillamente’. Senza però aggiungere che per riuscirci l’unica arma che abbiamo a disposizione è la riduzione del movimento, la riduzione del contatto umano, il limitare il passaggio del virus, che vive nelle persone.

I virus sono infingardi, non mirano a uccidere, ma a sopravvivere usando i corpi come loro tana sicura. Per cui, se si rispettano determinate prassi, il passaggio del Coronavirus sarà veicolato e controllato come quello degli altri in passato, almeno fino a quando non arriverà il vaccino per abbatterlo.

Per questo l’unico accorgimento che prossimo adottare è quello dello stare a casa il più possibile. Ecco l’hashtag che deve diventare virale: #stateacasa. Non altri, non il #nopanico varato con troppa leggerezza qualche giorno fa. Di certo non il #milanononsiferma e affini.

Cosa ci serve per capire che bisogna rinunciare a un po’ del proprio benessere, inteso come normale attività, per qualcosa di collettivo? Siamo egoisti, lo siamo da sempre, perché abbiamo sempre saputo che c’era qualcuno che pensava per noi e risolveva i problemi: il Governo, il sistema sanitario, il datore di lavoro, il preside. Oggi non è così, oggi il comportamento del singolo è il comportamento di tutti. Quindi #stateacasa deve essere il messaggio. Per quanto? Questo non spetta a noi che abbiamo il solo compito di ubbidire anche a chi non è in grado di fermare il calcio, finendo per lasciare nelle persone l’inaccettabile dubbio che si stia esagerando.

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram