Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La scuola nella 'finta' Silicon Valley

26 Aprile 2020

“Tra qualche giorno potremo uscire di casa, ti veniamo a prendere e stai da noi. Magari martedì e mercoledì”. “Ma zio, al massimo potrò venire sabato o domenica, quando esco devo tornare a scuola”. Dialogo reale tra uno zio e una nipote di sei anni che sta frequentando la sua prima elementare.

In poche parole c’è racchiuso tutto quello che oggi non c’è: un domani normale con azioni mirate e un mondo, quello della scuola, trattato invece come l’ultimo dei pensieri. Affidato a una ministra che pensa di vivere nella Silicon Valley, la scuola, intesa come formazione, è abbandonata a se stessa nell’illusione che tutto stia andando bene.

I problemi, in realtà, sono molteplici. Il primo è quantitativo. Cosa stanno ricevendo gli alunni, di ogni età? Qualche slide, dei tutorial, ma praticamente nessuna interazione. Il problema è che poi basta intervistare i due professori super dinamici e carismatici e tutto sembra invece proseguire per il meglio.

Ma avete mai provato a guardare un video sul pc? Avete seguito uno dei famosi webinar? Bastano pochi secondi di segnale poco chiaro che l’attenzione crolla. E considerando le connessioni esistenti l’immagine tremolante e l’audio scadente sono la normalità.

Alle elementari magari ancora resistono, ma uno studente delle Superiori la prima cosa che fa, tanto è promosso, prende il cellulare e chatta con l’amico o lascia scorrere il video della lezione mentre finisce la partita alla playstation, che almeno è tangibile come uno dei laboratori lasciati vuoti degli istituti tecnici e professionali che non vivono tra Goethe e Cicerone.

Il problema è anche qualitativo. Mia nipote lo certifica. Per lei la scuola è imparare, uscire di casa e sedersi davanti alla maestra. È una routine carica di novità che non potrà mai essere replicata dal tavolo della cucina. E soprattutto mai dalla relazione con il genitore che non è un docente ma il punto di sicurezza e non di sano timore da prova.

Tutto questo è negato senza dare una visione tranne quella del “dobbiamo puntare sulla didattica a distanza”. Una leggenda metropolitana che piace agli esperti di Ict ma che non ha riscontro con la realtà e che dimentica chi comanda sulle lezioni online: il gigabyte.

Serve una ripresa, servono luoghi di interazione, servono aule ripensate, ma servono adulti capaci nel pianificare luoghi e metodi, cosa hanno fatto fino a oggi al ministero dell’Istruzione?, e che non si nascondano dietro le mascherine, che i bambini sapranno usare molto meglio di loro, dentro e fuori dalla scuola.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram