Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Il super green pass che salva il Natale. Obbligo vaccino per prof, agenti e sanitari. Alberghi, metro e treni solo col certificato

24 Novembre 2021

FERMO – Il sunto del nuovo decreto è semplice: “Per i vaccinati sarà un Natale normale”. Ma per chi ha scelto per ora di non vaccinari, dal 6 dicembre al 15 gennaio la vita sarà con più di un limite. Entra in vigore il super green pass. Anche in zona bianca, il tampone basterà per andare al lavoro o sui mezzi pubblici, ma non per entrare al ristorante o in palestra. "Un modo per aiutare le nostre strutture ricettive, soprattutto ad affrontare i prossimi mesi che saranno mesi importanti, al trasporto ferroviario regionale e interregionale e anche al trasporto pubblico locale" commenta il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Ma non solo, perché c’è una stretta per due categorie: dal 15 dicembre obbligo di vaccino anche per tutto il personale della scuola e delle forze dell'ordine, oltre che della sanità. “La decisione serve a salvare il Natale, prevenire la crescita dei contagi, dare certezze agli operatori del turismo e a tutte le attività economiche. Vogliamo conservare la normalità conquistata, non vogliamo rischi – ribadisce il Draghi - vogliamo continuare a essere aperti, andare in giro a divertirsi, acquistare, combattere la povertà, avere i ragazzi a scuola, contenti”.

L’Italia è in realtà sotto controllo, lo chiarisce anche il premier, “siamo i migliori in Ue”, e per questo bisogna prevenire, ricordando anche a che punto eravamo lo scorso anno. Nonostante le perplessità di chi ha sempre difeso la scelta di chi non vuole vaccinarsi, a partire dal segretario leghista Matteo Salvini. La Lega sia in cabina di regia sia in Consiglio dei ministri mette a verbale le sue perplessità sull'introduzione del super green pass anche nelle zone bianche, a basso contagio.

Fondamentale nella scelta del presidente del Consiglio sono stati i presidenti delle regioni, anche quelle guidate dal centrodestra: l’idea comune è di imporre il lockdown solo in zona rossa, introducendo limitazioni nelle zone bianche, gialle e arancioni.

Il green pass diventa così fondamentale per andare in albergo, ma basta anche il tampone negativo, come per autobus e treni regionali dove ci saranno controlli a tampone. Il Paese sui vaccini è solcato da una profonda frattura, ma la scelta del governo è netta. Spingere la campagna, allargandola, grazie anche a una nuova campagna di comunicazione, anche ai bambini, non appena sarà possibile. Draghi racconta anche di aver già fatto la terza dose.

“Non sottovalutiamo i dubbi e non criminalizziamo chi non si vaccina, ma dobbiamo capire e convincere. “Se questa iniziativa ha successo, se l'economia va avanti, sarà il migliore modo di conciliare persone con convinzioni diverse. Spero che i no vaccinati possano tornare a essere parte della società con tutti noi” chiosa il premier.

"Il Green Pass fino ad oggi durava 12 mesi, come è noto, c'è stato un pronunciamento del nostro Cts che ha indicato in 9 mesi invece la durata idonea, sulla base della capacità di tenuta del vaccino col trascorrere delle settimane e dei mesi" conclude Speranza.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram