Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Terza corsia in A14, Cesetti alza la voce: "Basta progetti surreali, subito i lavori fino a Pedaso"

22 Settembre 2021

PORTO SANT’ELPIDIO – “L’idea dell’arretramento dell’A14 da Porto Sant’Elpidio fino al Tronto, se calata nella realtà, è produttiva del nulla, in particolare per il territorio fermano. Si passi quindi dalle parole ai fatti e nel tratto da Porto Sant’Elpidio a Pedaso si dia presto inizio ai lavori per la realizzazione della terza corsia”. Non ha dubbi sulla strategia da adottare il consigliere regionale Fabrizio Cesetti.

Sta infatti avvenendo quello che si temeva: in troppi parlano e la questione potrebbe finire nelle sabie mobili. E invece, bisogna agire. “Se continuiamo a parlare di arretramento dell’A14, quanto meno sul nostro tratto, è la strada per ottenere il nulla e così rimanere per ulteriori decenni paralizzati nell’imbuto in cui il territorio è stato cacciato nel tratto a sud di Porto Sant’Elpidio”.

Se l’apertura del ministro Giorgetti sulle Infrastrutture è reale, va colta: “Ho appena depositato una Mozione, sottoscritta da tutto il Gruppo Pd, per impegnare la Giunta regionale ad assumere tutte le iniziative politico-istituzionali necessarie affinché venga istituito il tavolo istituzionale tra Mise, MIT, Regione Marche ed Invitalia già previsto nell’Accordo di programma sottoscritto in data 5/8/2020 tra Mise, ANPAL, MIT, Regione Marche, Provincia di Fermo, Provincia di Macerata e Invitalia relativo al “Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale per l’Area di crisi industriale complessa del Distretto delle pelli-calzature Fermano Maceratese”.

Questo perché lì c’era l’impegno per completare i 18 chilometri fino a Pedaso con la terza corsia. “Un intervento che veniva considerato tra i più prioritari tanto da prevedere che la realizzazione dello stesso sarebbe stata oggetto di apposito addendum all’AdP in esito alle risultanze del tavolo istituzionale”.

Lo ribadisce Cesetti: “Senza strade degne, è impensabile che l’Area di crisi decolli. Le affermazioni del Ministro Giorgetti confermano questa ineludibile esigenza e aprono ad una grande opportunità che la Regione Marche ed il nostro territorio devono saper cogliere con tempestività e determinazione. Evitiamo di aprire un dibattito surreale su una proposta irrealizzabile e paralizzante, come l’arretramento. Si passi invece finalmente dalle parole ai fatti. Poi si facciano anche gli studi di fattibilità e le progettazioni per andare oltre, fino all’Abruzzo”.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram