Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Tanta voglia di sport: ecco chi può ripartire. I Comuni pronti a creare nuovi spazi all'aperto

7 Maggio 2020

Che lo sport sia con voi, ma con attenzione. Questo il messaggio che tanti sindaci, da Michele Ortenzi di Montegiorgio a Paolo Calcinaro, stanno mandando dai social. Per poi allegare il nuovo DPGR, il 147 del 6 maggio, a firma del presidente della regione Luca Ceriscioli.

Con questo decreto la Regione Marche ha specificato gli sport individuali che potranno essere svolti: “Sono consentiti all’interno della Regione Marche, ai residenti o con domicilio nel territorio regionale, allenamenti esercitati individualmente e con il rispetto dei dispositivi di protezione individuale e misure di distanziamento sociale, per le seguenti attività sportive: trekking, ciclismo (bicicletta o mountain bike), bocce individuale, canottaggio individuale, canoa kayak individuale, windsurf, barca a vela con un solo velista a bordo, atletica leggera svolta in forma individuale, golf, sport rotellistici individuali, pesca sportiva di superficie e subacquea, sport equestri non di squadra, tennis singolo, tennis a volo singolo e badminton singolo, tiro con l’arco, tiro a segno, tiro sportivo con armi da fuoco lunghe e corte, da lancio, aria compressa (tiro al volo, tiro al piattello, tiro dinamico e statico) praticato nei campi da tiro, tiro sportivo da caccia (tiro di campagna, tiro a palla, tiro con l’arco da caccia, field target), motociclismo, go kart, aviazione generale e aviazione sportiva individuale, arrampicata in falesia o esterno, purché siano mantenute le distanze di sicurezza tra l’arrampicatore ed il compagno di sicura”.

Quella del tennis è una conquista del presidente Emiliano Guzzo che aveva proprio chiesto di sbloccarlo, (LEGGI) come avvenuto in altre regioni. “È comunque consentita ogni altra attività sportiva o motoria svolta In forma individuale. Per queste attività sportive è vietato avvalersi dei locali interni ad uso comune quali spogliatoi, bar interni, docce, ecc. Sono consentite le attività sportive paraolimpiche senza necessità di assistente sportivo”. Per andare incontro agli atleti molti comuni si stanno anche attivando per dare spazi alternativi.

A Fermo, per esempio, l’assessore Alberto Scarfini annuncia: “Al momento in cui verrà autorizzato a livello governativo o regionale lo sport di gruppo all’aperto, saremo i primi a dare un segno di vicinanza a associazioni e società sportive, a realtà e palestre del territorio, mettendo a disposizione spazi verdi pubblici attrezzati per l’attività programmata, senza compromettere l’accesso pubblico, vista anche la quantità dell’estensione delle aree verdi. Un segno di vicinanza a tutti coloro che fanno sport per passione ma anche per coloro per i quali lo sport costituisce un’attività di sostegno economico alla propria famiglia”.

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram