Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Si allontana l'assessore fermano in Regione. Fratelli d'Italia ha un nuovo obiettivo: "Vincere le elezioni e guidare la Provincia"

2 Ottobre 2020

FERMO – Insieme per dire ‘siamo stati bravi’. Ma anche per definire le strategie in Regione e in vista delle Provinciali.

Ecco la squadra di Fratelli d’Italia guidata dal coordinatore provinciale Andrea Balestrieri. “Siamo il primo partito per voti, 23,9%, oltre 16mila preferenze. Intercettiamo richieste e problematiche, siamo un partito che ascolta e oggi ha un consigliere come Andrea Putzu che ha preso più di 4mila voti”. Bene a Fermo città con il 26,27% trainata da Saturino Di Ruscio e le sue oltre 3mila preferenze. Ma bene con Romina Gualtieri, 1858 voti, e con Maria Lina Vitturini che ha superato le mille preferenze.

Cavalleria nel giro di commenti, apre la sindaca: “Per me è stato un onore fare parte di un cambiamento totale. Da molto tempo eravamo governati da una classe politica. Il mio comune ha scelto per il 45% Fratelli d’Italia e come coalizione sono stata la donna più votata. La mia è una grande responsabilità verso tutto il Fermano e comuni come Montegiorgio, Ortezzano, Grottazzolina e Montelparo che hanno scelto me, premiando un modello fatto di serietà e coraggio che da 12 anni porto nel mio comune. donna, avvocato e sindaco, tutto questo c’è con a monte la credibilità del lavoro di sindaca. Punto chiave resta la ricostruzione, non possiamo deludere la gente, l’elettore”.

Maria Lina Vitturini è soddisfatta: “Mille voti significano che sto facendo un buon lavoro, in primis nella mia città. La campagna elettorale mi è servita per andare oltre i confini. Ho lavorato per Andrea Putzu, un giovane che riuscirà a cambiare le sorti della regione. Io – conclude – manterrò la delega alle Pari opportunità regionali, un tema su cui dovremo lavorare molto”.

Saturnino Di Ruscio è l’uomo di cui tutti parlano, nel bene e nel male. Temuto, ammirato, di certo votato: “Abbiamo contribuito a cambiare il corso di una regione ml governata. Dal 2011 non avevo più preso parte a competizioni elettorali. Arrivare vicino alle 4mila preferenze è stato importante. Lavorerò per far diventare Fratelli d’Italia il primo partito anche fuori da Fermo. Vedete – sottolinea con un pizzico di ironia - il 45% dei candidati delle sei liste che sostenevano Acquaroli erano concentrati a Fermo, una competizione interna forte che mi fa davvero essere soddisfatto. E mi fa dire che sono a disposizione del partito”.

Chiude l’eletto Putzu, che ringraziamenti a parte e analisi elettorali già fatte (LEGGI), tocca i due punti cardine: assessore e Provinciali. “Dal 2013 che siamo nati, con una percentuale da prefisso telefonico, a primo partito: sembra incredibile, ma ci fa capire che possiamo farcela. Per cui dobbiamo trovare come centrodestra la miglior personalità per vincere a dicembre in Provincia e portare cambiamento, creando un connubio tra regione e provincia di Fermo”.

Il nodo posto in Giunta il responsabile piccoli comuni di Fratelli d’Italia lo liquida così: “Per la prima volta il Fermano avrà tre consiglieri in maggioranza. Un anno fa erano due, di cui uno assessore per cui votava solo alcune cose. In teoria dovrebbe arrivare un assessorato, ma non dimentichiamoci che l’assessore non rappresenta un territorio, ma un settore. Invece i consiglieri rappresentano la propria terra e agiscono per portare a casa il risultato”.

Raffaele Vitali

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram