Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Rousseau ridà speranza a Mangialardi. Ricci: "Subito intesa con i 5 Stelle per vincere nelle Marche"

14 Agosto 2020

FERMO – E adesso nelle Marche c’è un solo obiettivo: ringraziare Mercorelli, candidato presidente del Movimento 5 Stelle, per il suo impegno e coalizzarsi per far vincere Maurizio Mangialardi. Questo pensano i partiti e i civici che vogliono far restare il centrosinistra alla guida della regione.

Alle 12 si è conclusa la consultazione su Rousseau attraverso la quale gli iscritti certificati e abilitati al voto hanno potuto esprimersi su due quesiti proposti dal capo politico M5S Vito Crimi: uno relativo alla modifica del mandato zero per i consiglieri comunali e un secondo relativo alle alleanze delle liste del Movimento 5 Stelle a livello comunale con i partiti tradizionali.

“Hanno partecipato alle due votazioni un totale di 48.975 aventi diritto che hanno espresso complessivamente 97.685 preferenze”: questo è il test sul Blog delle Stelle. Il primo punto fa del Movimento in partito come gli altri e l’8% dei militanti ha detto sì: chi ben amministra a livello locale deve poter andare avanti. Il secondo punto, quello più atteso, ha diviso i tanti, ma la maggioranza, 60%, con 29mila voti, ha detto sì alle alleanze con civiche, ma anche partiti.

Immediate le reazioni. La prima è di Matteo ricci, il sindaco di Pesaro che i 5 Stelle li tenta da mesi: “Ora basta tentennamenti, si faccia l'alleanza nelle Marche per Maurizio Mangialardi Presidente. I 5stelle diventino protagonisti di un progetto di rinascita della Regione dopo l'emergenza Covid: ticket Mangialardi-Mercorelli e andiamo a vincere".

Voce critica, per il metodo, è quella di un altro Dem di peso; Giorgio Gori: “Rousseau dice sì all'alleanza col Pd. Non dico cosa penso di queste consultazioni via piattaforma, ma il Movimento 5 stelle ha almeno fatto finta di chiedere alla base cosa ne pensasse. Il Pd manco quello: dal 'mai coi 5 stelle' al 'nuovo centrosinistra' senza fare un plissé".

E chi guarda con fiducia al futuro è Davide Casaleggio: “Il Movimento in questi anni ha sempre dimostrato che le decisioni si prendono tutti assieme. Il vero organo collegiale decisionale del Movimento sono sempre stati gli iscritti ed è sempre stata la grande differenza dalle altre forze politiche. Ho sempre pensato che i processi partecipativi debbano coinvolgere tutti con percorsi di informazione e di approfondimento come quelli che abbiamo attivato in passato per la legge elettorale e per indicare il nome del Presidente della Repubblica". 

Infine Nicola Zingaretti: “Noi siamo un'alleanza fra forze diverse che rimangono diverse, ma per governare si deve essere alleati, non si può essere avversari. Quindi che si riesca a fare insieme percorsi comuni penso sia un fatto molto positivo".

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram