Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Longhi, l'uomo della speranza: "Pronto per le Primarie, le sogno partecipate come con Prodi"

12 Febbraio 2020

Presentato il manifesto per le Marche, aperto a tutti: "L'importante è avere idee"

di Raffaele Vitali

ANCONA – Da solo, proprio per far capire che più inclusivo di così è impossibile essere. I compagni di viaggio Sauro Longhi sono tutti da scoprire. “Al momento sono le persone, quelle che incontro, quelle che mi hanno chiesto di impegnarmi, quelle che poi mi hanno aiutato a preparare una piattaforma programmatica”. Ci tiene a precisare che “il mio non è un programma, ma un punto di partenza. tanto che si chiude con ‘coalizione ampia e aperta per il governo della nostra regione’. Ho inserito obiettivi semplici frutto di una maturazione personale e degli incontri di questi mesi”.

È un approccio anomalo il suo: “Do il via a una sottoscrizione online per chi vuole condividere obiettivi per poi arrivare a un evento pubblico in cui inviterò tutti per firmare davvero il documento e arrivare così alla creazione di un programma e della squadra di donne e uomini”.

L'ex rettore dell'Università politecnica Marche, che un mese fa aveva annunciato la volontà di candidarsi a presidente della Regione per convogliare le forze progressiste, di centrosinistra come il Pd, civiche e il M5s, lancia il manifesto «Le Marche ideali».  “Partiamo sempre dalla conoscenza, la nostra materia prima. Conoscere significa promuovere i nostri beni culturali, ne siamo ricchi. Mantenere in equilibrio il paesaggio, il territorio porterà implicazioni economiche, un volano alle attività in primis nei servizi”.

E nel presentare le linee guida, per la prima volta apre davvero ai Dem: “Le Primarie di coalizione sono uno strumento per giungere a una soluzione. Siamo in un momento in cui la sintesi dev'essere cercata, se viene fatta con uno strumento democratico come le primarie di coalizione bene, facciamole perché è un modo per ascoltare le persone come sto facendo io in queste settimane, per avere da loro la risposta definitiva”.

Le Primarie sono le persone: “Vi ricordate quelle di Prodi? Mi auguro che arrivino in tanti, è democrazia partecipata. Poi sono convinto che le vinco, ma l’importante è incontrare e convincere le persone. non ci sono eserciti, non è una guerra, ma candidati che esporranno idee, poi conto di avere la maggioranza. La speranza è una bellissima cosa, è la ricerca. Non è l’ottimismo, è impegnarsi affinché un desiderio venga realizzato”.

Di fronte a questa apertura, il centrosinistra si riunisce al tavolo e prova ad allargare la coalizione: non si sono sciolti i nodi sull'attuale governatore Luca Ceriscioli, su un'eventuale alternativa e sulle primarie. Se Longhi apre, va sciolto il dubbio di Italia Viva, che nelle Marche ha referenti importanti. Sulla carta il partito di Renzi non vuole la sfida pre elettorale, ma i territori si stano dividendo, come nel Fermano dove è rimasto solo il capoluogo a difendere la linea del no primarie, con la zona calzaturiera invece d’accordo.

Con Longhi, idealmente, già sono in sintonia i componenti di Articolo 1: “Per battere la destra occorre la creazione di una ampia alleanza la più aperta possibile e il che presuppone l'individuazione di una candidatura civica in grado di rappresentare tutti”.

Lui ascolta e a chi gli chiede se si sente più Pd, 5 Stelle, "mettano il manifesto sulla loro piattaforma per valutarlo", Sinistra o centro risponde candidamente: “Se fossi stato convinto sarei dentro un partito. Invece ritengo di poter essere la sintesi tra partiti, Movimento e civiche. C’è bisogno di questa voglia di speranza. La rappresento. Poi non faccio parte dei partiti politici, quindi apro il manifesto a tutti, è solo la porta di ingresso”. Di fronte sa che potrebbe avere il governatore uscente Ceriscioli o la sindaca di Ancona Mancinelli: “Stimo entrambi, ho lavorato con entrambi. Ci confronteremo sulle idee e siccome sono due molto intelligenti credo che sarà una corsa corretta e aperta alle idee. Chi è più bravo poi vince, intanto apprezzo che il governatore abbia aperto al confronto”.

Questi i contatti social:

Facebook: Le Marche Ideali con Sauro Longhi

Sito: www.lemarcheideali.it

Instagram: lemarcheideali

@raffaelevitali

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram