Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La Lega si mobilita: "Vogliamo la verità sulle case famiglia? Chi controlla e chi le finanzia"

5 Giugno 2020

PORTO SAN GIORGIO – La Lega in campo a Porto San Giorgio e riparte dai temi chiave: sicurezza e legalità. E lo fa dopo la notizia dei maltrattamenti “che sarebbero stati eseguiti dal gestore di una casa famiglia sangiorgese” introduce Marco Marinangeli.

“Il problema però non riguarda solo Porto San Giorgio, per cui chiederemo lumi con una interrogazione del consigliere Petrozzi in consiglio comunale per capire i collegamenti con la struttura e il Comune, ma anche il livello regionale. Noi oggi non sappiamo chi sia il responsabile, attendiamo le indagini. Per cui parliamo solo di politica”.

Fare politica significa coinvolgere anche la Regione. Da qui la presenza di Sandro Zaffiri, capogruppo Lega, Marzia Malaigia, consigliera regionale, e Mauro Lucentini, commissario provinciale dei salviniani. “Il tema dell’affido dei minori è uno dei temi che abbiamo affrontato in questa legislatura, soprattutto dopo i casi di Bibbiano. Abbiamo avuto famiglie che hanno segnalato casi di abuso della misura dell’affidamento, che dovrebbe essere la scelta estrema. E invece sono quasi 3mila i minori marchigiani allontanati” spiega la Malaigia che parla di dati esagerati per una regione così piccola e per questo martedì durante il question time ne parleremo.

“Troppi i casi inspiegabili, figli solo di una conflittualità tra i genitori o di problemi economici. Noi sospettiamo che ci sia dietro un business, sappiamo che un minore costa tra i 2 e i 300 euro al giorno. È interesse del minore o di chi li gestisce allontanarli?” ribadisce la consigliera monturanese che aveva presentato una mozione in Consiglio “per installare telecamere in tutte le strutture con minori o anziani, ma per non violare la privacy dei lavoratori non è stata approvata”.

La domanda che si pongono i leghisti è: chi c’è dietro le strutture marchigiane? “Pochi giorni fa la Camera non ha approvato l’inserimento per legge delle telecamere. Questo ci fa infuriare, son cinque anni che affrontiamo questo problema, ma il Pd ci dice sempre no. Anche in Regione, bloccando la mozione” riprende Zaffiri.

“Noi vogliamo capire. Qui a Porto San Giorgio ci sono state intercettazioni, partite dopo una segnalazione. Ma quanti casi ci sono nelle Marche? Perché le case famiglie sono sempre piene? Chiediamo rispetto, non può essere che i figli vengano portati via dalle famiglie solo perché ci sono difficoltà economiche. E avviene con carabinieri e poliziotti sotto casa o a scuola, non è accettabile. E per questo abbiamo protestato anche davanti al tribunale dei minori”.

Oggi l’appello è al sindaco, responsabile sul territorio: “Ci dica quanti soldi pubblici ha preso e se c’è legame con l’attività del Comune, spiegandoci anche quale ruolo stanno svolgendo le assistenti sociali sangiorgesi. Sapendo che se i fatti son veri, il sindaco Loira può fare solo una cosa: chiudere la casa famiglia” conclude Zaffiri.

Per l’azione in comune parla Petrozzi: “Un anno fa presentammo una interrogazione consiliare per capire le azioni di sindaco e assessore sulle due case famiglia sangiorgesi. Stiamo attendendo un report preciso e poi oggi chiediamo i finanziamenti comunali alle strutture. Non andremo in consiglio martedì, non ci sono i tempi, ma lo faremo al prossimo”.

La base chiama, il livello regionale e poi nazionale agiscono: “Una volta che avremo in mano la risposta all’interrogazione comunale, insieme al commissario regionale Marchetti e agli onorevoli del territorio se necessario portare il caso in Parlamento. Perché come diceva Sandro è singolare questo Pd che controlla bene i pagamenti delle tasse entrando nei conti correnti, ma poi scompare quando si parla dei più deboli” aggiunge Lucentini.

r.vit.

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram