Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

I cinghiali sono troppi: uno ogni cinque persone. Nelle Marche gli agricoltori ora possono sparare

28 Luglio 2020

FERMO – IL contadino con la doppietta. Non solo zappa e rastrello, nelle Marche i contadini hanno licenza di uccidere i cinghiali. “La Corte Costituzionale ha bocciato il ricorso al Tar delle Marche contro la legge regionale che autorizza gli agricoltori muniti di licenza di caccia a partecipare all'abbattimento dei cinghiali all'interno delle proprie aziende” spiega la Coldiretti Marche.

Contro il provvedimento avevano fatto ricorso al Tribunale amministrativo regionale alcune associazioni ambientaliste, sostenendo che l'estensione ai proprietari dei fondi della possibilità di prendere parte all'attività di selezione prevista dall'articolo 25 della legge fosse di fatto incostituzionale. Una tesi che la Consulta ha ora respinto, aprendo di fatto la possibilità per tutte le Regioni di seguire l'esempio delle Marche. “La popolazione dei cinghiali è più che raddoppiata negli ultimi dieci anni e nella dorsale appenninica, la concentrazione media sale a un animale ogni cinque abitanti” prosegue. Il risultato è che nelle campagne si registrano ogni anno danni stimati in almeno 200 milioni alle colture, senza contare i rischi per la salute provocati dalla diffusione di malattie e soprattutto gli incidenti stradali in grande aumento.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram