Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Amandola entra nel digitale: dalla mensa agli scuolabus, i servizi passano per il cellulare. "Con l'arrivo della fibra useremo sempre meno carta"

3 Dicembre 2020

di Francesca Pasquali

AMANDOLA - Forse il paragone con la rivoluzione copernicana è un po’
eccessivo, ma la strada che ha imboccato il Comune di Amandola, a modo
suo, rivoluzionaria lo è. Il passaggio dalla carta al web di tutte le
attività e i servizi per i cittadini, fa del Comune montano
l’apripista del 4.0. Una trasformazione graduale che, almeno per tutto
dicembre, vedrà i due sistemi andare avanti in parallelo. Poi, quando
tutti si saranno iscritti, il vecchio metodo sarà abbandonato e si
proseguirà solo col nuovo. «È la nostra rivoluzione copernicana,
funzionale e innovativa», dice il sindaco Adolfo Marinangeli e, a
stento, cela l’orgoglio di guidare una cittadina sempre più smart. Il
nuovo corso è partito ieri, con la registrazione delle famiglie con
figli che vanno a scuola in autobus e pranzano a mensa. Ventotto
quelle iscritte in neanche ventiquattr’ore. In tutto, quelle con figli
in età scolare, sono poco meno di duecento. «Le reazioni sono
entusiastiche, perché il risparmio di tempo, per le famiglie, è
considerevole», spiega Marinangeli. Il segreto è tutto lì. Nei buoni
di carta che, da qui a qualche settimana, spariranno, assieme alle
attese per rinnovarli. Con il nuovo sistema, il rinnovo si farà da
casa, con qualche clic sul cellulare o al computer. Non solo. Perché,
quando i buoni staranno per scadere, a chi si sarà registrato arriverà
una notifica a mo’ di promemoria. «Ogni rivoluzione ha lati positivi e
negativi, ma crediamo che sia arrivato il momento di avviarla», dice
ancora il sindaco.
Questo per la prima fase. Poi, un po’ alla volta, saranno
digitalizzati tutti gli altri servizi comunali: dalle certificazioni
alle pratiche per l’edilizia. Una volta a regime, il sistema
permetterà alle famiglie di essere informate in tempo reale anche
sulle decisioni dell’ultimo momento. Per esempio, e potrebbe capitare
tra non molto, sapere se le scuole, dovesse nevicare, saranno aperte o
chiuse. E via dicendo.
Una novità all’insegna del risparmio. Per il Comune che, man a mano,
diminuirà l’uso della carta. E per i cittadini che ridurranno gli
spostamenti e il relativo tempo. Nel caso della mensa scolastica, per
esempio, con i buoni mensa digitali, si potranno anche tracciare i
morosi, «garantendo la massima efficienza e il pasto a tutti, come
sempre fatto».
E la linea? Spostando le pratiche sul web, una connessione veloce e
che non faccia i capricci diventa fondamentale. Anche su questo fronte
sono in arrivo novità. «Questa situazione – spiega Marinangeli – ci ha
indotto ad accelerare. Per la banda-ultralarga, Telecom, che adesso va
da 30 a 50 megabit, tra fine dicembre e gennaio arriverà fino a 200
megabit. Ma aspettiamo che arrivi la fibra. La stesura è terminata.
Attendiamo i collegamenti, perché, da qui a primavera, il sistema di
connessione ci darà la possibilità di fare tante altre cose che la
rete permette».

redazione@laprovinciadifermo.com

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram