Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Agostini e Mangialardi alzano la voce, assist a Ceriscioli. Riunione per uscire dall'impasse

15 Febbraio 2020

FERMO – Oggi si capirà qualcosa in più, di certo chi pesa dentro il Partito Democratico. Il presidente della regione Luca Ceriscioli ha convocato i cinque segretari provinciali e quello regionale. Il motivo è semplice, uscire dall’impasse. Dopo la presa di posizione anti primarie del segretario Giovanni Gostoli, sono scesi in campo due big del partito, uno del centro e uno del sud della regione.

“Le primarie sono l'unica strada perché qualsiasi altra soluzione sarebbe vissuta come imposta e dunque non accettabile" ha detto senza mezzi termini Maurizio Mangialardi, presidente Anci Marche e fedelissimo del governatore uscente. “Ormai siamo talmente incartati che servono le primarie, un confronto anche aspro che però può darci una piattaforma per dissipare le tensioni. Almeno ci confronteremo alle primarie" ha aggiunto.

“Ci sono regole e statuto da rispettare e questo dovrebbe essere fondamentale. Oggi chiariremo ed elimineremo i veleni che da qualche giorno circolano nel centrosinistra. Finiamola con questa rappresentazione del Pd come un circo Barnum” ribadisce Luciano Agostini, onorevole di lungo corso, dominatore assoluto del sul delle Marche e consigliere di Ceriscioli per la sanità.

Due voci compatte in favore delle Primarie, a cui però se ne aggiunge, inevitabilmente, una terza, quella di Italia Viva, rappresentata dall’ex big del Pd Fabio Urbinati: “Noi di Italia viva siamo gente seria, gente che mantiene gli impegni. Continueremo a lavorare per un allargamento della coalizione e ci sederemo al tavolo con i nostri alleati con spirito costruttivo a partire dal Pd e il suo segretario. Vogliamo trovare una candidatura forte e autorevole per la comunità marchigiana”.

Di fronte a questo spettacolo, la chiosa è di Piero Celani, consigliere regionale di Forza Italia: “L’unico progetto della sinistra è battere le destre. È una ossessione, povere anime, questa destra che non sarà radical chic ma che piace alla gente, quella di tutti i giorni e che ne hanno avuto a sufficienza dei disastri combinati da una sinistra sempre più arroccata al potere e lontana anni luce dalla gente”.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram