Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Voglia di sole, tutti sul lungomare. Occhio ai controlli. Porto San Giorgio pedonalizza tutto. Pedaso: "Servono ausiliari anti Covid"

8 Novembre 2020

FERMO - È finita la prima settimana di novembre e sembra quasi primavera. C’è il sole e l’aria, di giorno, è tiepida. I più temerari si tuffano in mare. Si sta bene all’aperto e, in tempi di Covid, ogni occasione è buona per fare due passi. Agguantare quella libertà che rischiamo di perdere da un momento all’altro.

Ieri, sul lungomare, da Porto Sant’Elpidio a Pedaso, il passeggio è stato continuo. E oggi, c’è da giurarci, che si bisserà. Migliaia di persone che si riverseranno sulla costa, col rischio altissimo di assembramenti.

A Porto San Giorgio hanno giocato d’anticipo. Da ieri e fino a stasera, il lungomare centro, da via Marco Polo a via Veneto, resta chiuso al traffico. «Sulla scorta dello scorso fine settimana – spiega l’assessore alla Viabilità, Andre Di Virgilio –, con il lungomare molto frequentato sia sul marciapiede sia sulla spiaggia, e avendo visto le previsioni quasi primaverili per questo, abbiamo valutato che avrebbero potuto crearsi concentrazioni di persone e deciso di chiudere quella parte di lungomare». Sangiorgesi e non potranno, quindi, stare più larghi e godersi il sole camminando anche in mezzo alla strada. La Polizia locale controllerà il rispetto delle regole anti-contagio. «Abbiamo chiesto ai vigili di farsi vedere – spiega Di Virgilio –, per fare da deterrente. Poi, ovviamente, se ci dovessero essere casi limite, interverranno. Ma non credo che ce ne sarà bisogno».

Non cambia niente, invece, negli altri Comuni costieri, che si preparano comunque al pienone. «Non abbiamo ritenuto necessario – il commento dell’assessore alla Viabilità di Porto Sant’Elpidio, Vitaliano Romitelli, – adottare alcun provvedimento eccezionale. I cittadini sono molto attenti, rispettano le distanze e portano le mascherine». «C’è molta voglia di andare avanti – prosegue – e di non perdere le abitudini nel rispetto delle norme. Ma hanno capito come devono comportarsi. Ci può essere qualche eccezione, ma sono pochissime». Con sette chilometri di lungomare – il ragionamento – di spazio per godersi la giornata senza assembrarsi ce n’è abbastanza».

A Pedaso, il sindaco Vincenzo Berdini è arrabbiato. «Se vogliono che facciamo i controlli, ci diano la possibilità», dice. Da settimane, il primo cittadino porta avanti la sua personale battaglia per monitorare il territorio. Ha anche scritto al premier Conte, chiedendogli di dare ai sindaci, in particolare a quelli dei Comuni sotto i cinquemila abitanti, la facoltà di dotarsi di «ausiliari del Covid», visto che, quando va bene, hanno un vigile ciascuno. «Se ci sono quelli per il traffico – spiega Berdini –, non vedo perché non possano esserci anche per questo tipo di controlli».

Gli ausiliari, fa sapere il sindaco, dovrebbero essere persone del posto, che ne conoscono ogni angolo e le criticità. E dovrebbero essere autorizzare a multare chi non rispetta le regole. «Ci fanno chiudere questo e quello – chiosa –, ma non hanno mai parlato seriamente di fare prevenzione. In questo modo, anche i Comuni più piccoli potranno avere la situazione sotto controllo».

redazione@laprovinciadifermo.com

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram