Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Vaccini ai medici di base, il distretto di Fermo funziona. "Le dosi le decide l'Asur. Ci sono criticità, insieme faremo meglio"

22 Luglio 2021

FERMO - La direzione generale Asur sapeva che i medici di medicina generale del Fermano non avevano abbastanza dosi per vaccinare i loro pazienti. Come lo sapeva quella dell’Area vasta 4 e il Dipartimento di prevenzione.

Non ci sta a passare da colpevole, il Distretto sanitario fermano guidato da Licio Livini. Che entra a gamba tesa nella polemica innescata dal segretario provinciale della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale), Paolo Misericordia, cavalcata dal direttore del Dipartimento di prevenzione, Giuseppe Ciarrocchi. Un passo indietro.

Qualche giorno fa, Misericordia aveva accusato il Dipartimento guidato da Ciarrocchi di «una resistenza terrificante a conferire i vaccini ai medici di famiglia». Accuse respinte da Ciarrocchi che aveva rimbalzato la patata bollente al distretto («Il Dipartimento di prevenzione supporta i punti vaccinali della popolazione. Per la campagna vaccinale con i medici di medicina generale c’è un protocollo firmato dal direttore del Distretto sanitario e dai medici», le sue parole).

 «Letture poco attente e non realistiche della realtà – per la Direzione di distretto –, colpa delle difficoltà di gestione di momenti di grande ansia operativa come quelli della vaccinazione anti-Covid». «Il Distretto – si legge in una nota – non ha mai avuto competenza sulla fornitura dei vaccini, che sono stati sempre inviati dalla Direzione generale Asur su autonoma e unilaterale valutazione, ma ha più volte segnalato carenze, difficoltà e impossibilità a garantire le forniture richieste dai medici di medicina generale anche se, fino a metà di giugno, non ha quasi mai potuto corrispondere interamente le richieste avanzate (due consegne settimanali, quasi sempre frutto di relazioni complicate per il razionamento della materia prima)».

Nonostante i problemi di approvvigionamento, i medici di famiglia del Fermano hanno somministrato poco meno di un quarto dei vaccini fatti nelle Marche (37.865 su 163.497, il 23,15%). «Risultati – per la Direzione di distretto – forse, da molti impensati e magari scomodi, raggiunti senza incomprensioni e con la formula della collaborazione attiva e dell’interoperatività. Si è operato al meglio – la chiosa – e, senza ostacoli, si sarebbe potuto fare ancora di più».

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram