Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Università, Wega e imprese: è nato il corso gratuito che dà lavoro tra export e moda

14 Aprile 2021

FERMO – Corsi importanti e strategici per il territorio. La formazione gratuita che dà lavoro è di nuovo protagonista. “Il nostro obiettivo è l’inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro. Andiamo contro la dispersione scolastica e verso l’alta formazione” spiega Domenico Baratto, presidente di Wega, l’impresa sociale che negli anni è diventata un riferimento per la Regione Marche nel campo della formazione professionale.

Ed è sempre più importante tutto questo, ancora di più in tempo di pandemia. “Dobbiamo rispondere alle esigenze del mercato del lavoro”. Sono quattro i corsi, il primo è quello di alta formazione professionale, un Ifts, di 800 ore organizzato con una squadra di soggetti del territorio. “Ci siamo abbinati a enti strategici con una Ats per rispondere in maniera più efficiente al bando della regione Marche. Con noi Università di Macerata, con cui il progetto è nato, Cna Fermo, Confindustria, Ipsia, comune di Fermo e Ambito, e l’università San Domenico”. Un pool molto vario che ha convinto subito la Regione.

“È importante dare risposte a chi non ha lavoro, a chi può crearsi un futuro. Per noi è fondamentale come Regione. Seguo la formazione professionale nella commissione che guido. Nel nuovo piano per le politiche europee dobbiamo crederci ancora di più. E dobbiamo credere in questo territorio, realtà come Wega portano risultati” commenta Andrea Putzu, consigliere regionale.

Il bando Ifts era molto legato al territorio. Si parla di un corso di ‘Tecniche per l’amministrazione economico finanziaria, esperto nella commercializzazione sui mercati esteri ed e-commerce nel settore moda’. “Per un corso di questo tipo il rapporto con le realtà professionali era determinante. Noi dobbiamo creare figure che servono alle imprese, quelle che si aspettano. Per farlo l’università è stato il primo step. La parte scientifica l’abbiamo affidata a lei, alla professoressa della facoltà di Economia, Elena Cedrola” prosegue Baratto.

“Ricerca e innovazione sono al centro del nostro lavoro come università. Abbiamo aperto anche un tavolo sulla Moda e questo corso rientra nel percorso che abbiamo avviato. Collaboriamo da tempo. Il nostro contributo è di mettere a disposizione risorse umane, dal marketing di cui mi occupo direttamente, di cui studieremo dai fondamenti alla costruzione di piani di marketing, lo sviluppo di e-commerce con docenti dell’Università e poi il tema dell’organizzazione e progettazione e sviluppo dell’azienda, si parlerà anche di contrattualistica internazionale e pillole di informatica e analisi dati. Incluse anche figure di diritto. Avranno anche crediti che magari potrebbero aprire a corsi di laurea”.

Conoscere la professoressa ha fatto alzare il livello della formazione di Wega. Questo è un corso molto serio e molto lungo, 320 ore in stage aziendale. Carlo Nofri, che guida l’università San Domenico, avrà il compito di insegnare le lingue essendo tra i migliori su mercato nel campo dell’interpretariato: “La lingua è cruciale” spiega Baratto. “Ringrazio Domenico e Confindustria che ci hanno coinvolto. Noi andiamo a prendere i Neet. Lavoriamo sulle soft skills. Saper dialogare apre i mercati. Bisogna usare la lingua, ma anche altro, a cominciare dal saper redigere e interpretare contratti. Quindi il nostro ruolo è insegnare la lingua, ma farlo nel modo migliore”.

Professionalizzare le persone è un obiettivo importante, dare competenze immediatamente spendibili è la strada. “Noi abbiamo un ente formatore interno, ma – spiega Paolo Silenzi, presidente Cna Fermo - teniamo molto alla collaborazione con Wega. Qui si parla anche di ascolto e inclusione, formazione specifica e mirata per professionalità oggi fondamentali per le imprese. Cerchiamo di intercettare le esigenze delle piccole e medie imprese. Questi sono corsi impegnativi e proficui”.

Per le aziende piccole figure professionali così sono linfa vitale, risorse che completano il percorso. “Molte Pmi non hanno mai puntato su queste figure, si lavorava solo sulla qualità del prodotto senza pensare a venderlo. Le aziende hanno bisogno di promuovere questo percorso con processi di internazionalizzazione. Corsi importanti che porteranno a segnalazioni alle aziende, per arrivare al mondo del lavoro. tra l’altro – riprende rispondendo alla sollecitazione di due possibili iscritti al corso - ci sono contributi statali per l’inserimento dei lavoratori, per l’innovazione anche nella professionalizzazione degli operatori”.

Venti i posti, l’anno scorso, in piena pandemia, il corso di formazione di Wega ha garantito al 60% dei frequentatori un contratto. “E se poi uno vuole riprendere l’università, questo corso vale anche 12 crediti. Proprio perché – conclude la professoressa – il livello è molto alto, frutto della messa in campo di tutte le competenze che abbiamo a diposizione”.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram