Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Tutti in coda: ecco l'estate in A14. Società Autostrade: lavori fino a fine luglio, garantiremo assistenza

23 Giugno 2020

FERMO – Armarsi di pazienza e mettersi in coda. È questo il destino per chi deve viaggiare direzione sud lungo la A14 nel tratto Fermano-Piceno. Il verdetto, amaro quanto scontato, è arrivato al termine dell’incontro in prefettura voluto da Vincenza Filippi. La tavolo i sindaci dei comuni costieri, il vicepresidente della Provincia Pompozzi, i vertici della direzione del VII Tronco Autostradale e il Dirigente presso la Direzione Generale per la Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali del Ministero Infrastrutture e Trasporti.

Non ci sono alternative ai lavori in corso. Il prefetto ha messo sul piatto tutte le criticità, che ogni giorno ormai vengono raccontate dalle cronache, ma questo non è bastato per cambiare il corso degli eventi. “Dalla discussione – spiega la Filippi è emerso che le riduzioni del numero e/o della larghezza delle corsie sono legate a una serie di azioni: misure di miglioramento antincendio delle gallerie; lavori dovuti al provvedimento di sequestro della corsia di marcia adiacente le barriere di sicurezza a bordo ponte di alcuni viadotti; interventi dovuti alle attività ordinarie delle pavimentazioni, dei giunti, del verde”. Quello che ha ottenuto la prefettura è che la terza voce, ovvero la manutenzione, venga sospesa in caso di traffico intenso. Ma nulla in merito a raddoppio di turni di lavoro e di utilizzo anche delle ore domenicali, come avrebbero sperato di sentirsi dire imprenditori e turisti.

Capitolo a parte la questione dei sequestri, mentre per quanto riguarda i cantieri legati alle manutenzioni di miglioramento antincendio nelle gallerie, i lavori dovrebbero terminare per la fine del mese di luglio.

Tornando ai viadotti sequestrati, la situazione è complicata, come spiega la direzione VII Tronco di Autostrade per l’Italia: i viadotti Petronilla, San Biagio e Campofilone “sono stati dissequestrati e vi sono i progetti definitivi o esecutivi, che già hanno permesso la realizzazione provvisoria di due corsie di marcia, se pur di ampiezza ridotta rispetto a quella standard” spiega il prefetto. Due corsie strette, che provocano rallentamenti ma almeno non blocchi. Invece, i viadotti di Vallescura e Santa Giuliana sono ancora sotto sequestro giudiziario. “È però la presentazione del progetto definitivo al MIT, che, in caso di vaglio ministeriale positivo, permetterebbe ad Autostrade per l’Italia di avanzare istanza di dissequestro”. La speranza collettiva è che questo avvenga in tempi rapidi.

Ma intanto resteranno i disagi, per tutta l’estate. Come addolcire la pillola? Società autostrade ha presentato questi accorgimenti che si limitano alla segnalazione dei problemi: “Più personale per attivare la segnaletica di uscita obbligatoria in caso di eventi che comportino il blocco del traffico con tempi di risoluzione elevati; più personale dedicato alla segnalazione degli accomodamenti e all’assistenza dei viaggiatori in caso di lunghe code”.

Di fronte a questo quadro, al prefetto non è rimasto che chiedere anche alle forze dell’ordine, e in special modo alla Stradale, “di monitorare con attenzione le dinamiche sottostanti ai cantieri aperti sull’A/14 e ad essere prontamente operativi in caso di emergenze in Autostrada, ma anche sulla Statale e lungo le Strade Provinciali con il concorso delle Polizie locali”.

redazione@laprovinciadifermo.com

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram