Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Trasporto scolastico, problemi risolti. Rutolini, Steat: "Possiamo garantire tutti gli alunni"

1 Settembre 2020

FERMO - “Approvate in Conferenza Unificata le "Linee guida" del trasporto pubblico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con le misure organizzative per il contenimento della diffusione del Covid-19 e le modalità di informazione agli utenti”. Queste poche righe del ministero dei Trasporti riaprono e porte dei pullman italiani con alcune prescrizioni, incluso l’uso della mascherina a bordo.

Pino Rutolini, direttore Steat, cosa accade?

“Le nuove linee guida del Governo permettono l’uso dell’80% dei posti. Posso dirlo con certezza: avremo la possibilità di portare tutti a scuola. A livello regionale abbiamo creato un comitato tecnico tra i direttori delle aziende di trasporto pubblico e un funzionario della Regione in cui pianifichiamo al meglio le azioni. Questa decisione era la più attesa”.

Restano dei problemi?

“Stiamo valutando i migliori percorsi per evitare sprechi. Ma non avremo problemi: si era ragionato su un inizio soft, sullo sdoppiamento delle lezioni, ma la decisione del Governo rende tutto più semplice”.

Quanti autobus in più vi serviranno?

“Ipotesi in fase di studio, una quindicina di autobus in più dovrebbero bastare. E anche il personale interno c’è, abbiamo assunto in anticipo. Non è una organizzazione che riguarda solo Steat, ma Trasfer che include anche privati”.

A proposito di privati, cosa pensa della proposta di usare Ncc e simili?

“Che mentre si parlava del taglio del 50% dei posti, la soluzione non potevano neppure essere i privati. Sarebbero mancati 45 autobus, mentre ne avremmo potuti trovare una ventina. Oggi, con l’80%, se ci dovesse mancare qualcosa useremo i noleggiatori”.

Servizio garantito e in sicurezza?

“Con questa apertura non possiamo più dire ‘il servizio è impossibile’. Tratte più piene? Noi non lavoriamo per autobus, ma per linea. Quella che sappiamo già sovraccarica sarà attenzionata, sicuramente avremo una gestione diversa con mezzi a supporto”.

Quale è la sua preoccupazione oggi?

“È che non tutti vorranno riprendere l’autobus. Temo che l’80% sia sufficiente”.

Nodo abbonamenti?

“Abbiamo rinviato la campagna, una scelta necessaria perché no si sapeva se la scuola sarebbe ripartita in presenza o meno. Era inutile era fare abbonamenti per rimborsare. Se nel giro di 24 ore arriverà l’ufficialità dell’intesa, faremo partire il tesseramento”.

Sono previsti sconti?

“Le tariffe sono regionali, noi le applichiamo”.

Avete scelto di dare un voucher a chi non ha usato i mesi di abbonamento del lockdown. Hanno chiesto tutti il rimborso?

“Abbiamo qualche problema risolvibile con un po’ di pazienza. Abbiamo tenuto aperta fino al 14 agosto la possibilità di richiedere il voucher. Ora stanno arrivando i ritardatari, quelli che non si sono interessati per tempo. Una cosa la chiariamo, tutti lo otterranno, ma serve pazienza. Ora dobbiamo pensare ai nuovi abbonamenti, è complesso per l’azienda avviare pratiche amministrative di questo tipo in contemporanea. Quindi, rimborseremo ma non domani mattina, come fatto per chi è venuto nei tempi”.

Protocolli di sicurezza interni, cambia qualcosa?

“L’attività anti contagio è stata svolta sapientemente. Non abbiamo avuto casi interni. E come inizia la scuola ripeteremo il test sierologico, che già abbiamo fatto, ai dipendenti. Sui minibus che hanno una porta sola abbiamo inserito il pannello divisorio tra autista e utenti, sui grandi c’è una catenella che blocca la prima fila dei sedili”.

Rutolini, è stata dura gestire tutto questo?

“Mesi complessi quelli tra marzo a maggio, molto pesanti. Oggi siamo in una fase impegnativa, ma abbiamo regole più chiare. Ogni autobus ha l’igienizzante a disposizione e viene sanificato ogni giorno. Siamo pronti, i cittadini lo sappiano”.

Raffaele Vitali

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram