Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Sistema fiscale, made in e online: le ricette di Sabatini per i calzaturieri

1 Gennaio 2020

FERMO – Da un lato l’attesa per i bandi relativi all’area di crisi complessa, in modo che dalle manifestazioni d’interesse si passi ai progetti. Dall’altra il tema del made in Italy, con lo studio realizzato dall’Eurispes che deve diventare il grimaldello per ottenere il riconoscimento.

Due partite diverse in cui però vuole giocare da protagonista Gino Sabatini, presidente della camera di commercio delle Marche. Che dedica proprio al distretto fermano-maceratese il suo primo pensiero del 2020. Così come lo dedica Giampietro Melchiorri, vicepresidente vicario di Confindustria Centro Adriatico che sta pianificando con i colleghi la strategia migliore per far arrivare il dossier a Bruxelles, sui tavoli della commissione Europea e si spera del Consiglio. "Ci muoveremo insieme alla sottosegretaria al ministero per gli affari europei Laura Agea" puntualizza Sabatini.

“Non possiamo sprecare i contenuti e le soluzioni prodotte dalla ricerca Eurispes sul distretto calzaturiero. Per questo – sottolinea Sabatini, che con Assocalzaturifici ha finanziato lo studio – entro gennaio mi siederò al tavolo con il sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, l’onorevole pesarese Alessia Morani per arrivare insieme ai  provvedimenti incisivi per il settore”.

Sabatini, Gregori e Calcinaro

C’è poco tempo da perdere: Dobbiamo dare una risposta al 40% di imprenditori che, nei dieci anni tra il 2009 e oggi, ha visto diminuire significativamente il loro fatturato: non possiamo dire loro di aumentare o consolidare la loro presenza fuori dai confini nazionali se non li accompagniamo con azioni serie, strutturali e condivise”. Tenendo presente che l’a base deve essere un “sistema fiscale nazionale che li renda competitivi rispetto ai concorrenti internazionali” e “una legge che applichi il ‘made in Italy’ sulla scarpa”.

L’elenco delle misure a favore del settore comprende anche “l’estensione al nostro distretto delle agevolazioni” previste dal decreto crescita per le operazioni di aggregazione aziendale compiute da società con sede nel Sud Italia, la tassazione di distretto, la riduzione dell’Irap (“che così come è strutturata rappresenta una tassa odiosa”), l’istituzione nel Fermano-Maceratese della Zes (zona economica speciale, ndr.), “offrendo alle aziende che operano al suo interno agevolazioni in deroga rispetto alle politiche nazionali” e, “non per ultima, l’intensificazione della battaglia all’industria del falso”.

Non tutto però può fare la politica o il sistema economico se non cambiano anche i calzaturieri. Ed è questo il messaggio più forte di Sabatini a inizio 2020: “I calzaturieri sono chiamati ad evolversi, partendo innanzitutto da forme di aggregazione capaci di dare una soluzione al problema della piccola dimensione. Penso ai contratti di rete, spariti dopo il 2014. E poi devono puntare maggiormente sulle vendite online, un mercato in positiva evoluzione che va aggredito”.

Raffaele Vitali

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram