Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

"Servigliano non si ferma": il Torneo Cavalleresco tra banchetti e prove dei cavalieri

12 Agosto 2020

SERVIGLIANO – Ci siamo, il clima si scalda, l’atmosfera cambia: Servigliano piomba nella storia con le tre serate che lo accompagneranno fino alla Giostra di domenica. È tempo di Torneo Cavalleresco. Tre serate, quattro appuntamenti conviviali scanditi dal senso di appartenenza e dall'amicizia. Primo appuntamento stasera con il banchetto del Rione Santo Spirito nella suggestiva cornice del chiostro di Santa Maria del Piano. “È un momento particolare per tutti e per la storia del Torneo. Un’edizione che richiede sforzo, in cui bisogna mettere in campo tutto il proprio attaccamento al rione – commenta Marco Rossi, console del Rione Santo Spirito –. I giallorossi, da sempre, sono animati da una spiccata inclinazione all’aggregazione che somiglia più a una famiglia che a un gruppo. È una settimana non facile: tanta nostalgia, ma allo stesso tempo tanta voglia di fare che, la forza degli eventi, frena e limita. L'unica certezza è che il Rione Santo Spirito vivrà questi giorni con l'attaccamento di sempre, con l'immutata voglia di stare insieme e di portare a casa il drappo”.

Seconda conviviale del calendario fissata per domani: bis propiziatorio con la cena di Porta Navarra al ristorante Re Leone e del Rione Paese Vecchio al Chiostro di Santa Maria del Piano. “In questa edizione, la serata della cena rionale assume una valenza assoluta: si impregna di valori e attaccamento, di cultura del Palio –dice il veterano Giancarlo Ferretti, console di Paese Vecchio –. Il Torneo Cavalleresco ha già vinto portando a casa un'edizione storica. All'interno del folto gruppo gialloverde percepisco un velo di malinconia ma tanta voglia di ricominciare. Una edizione strana a cui però non mancheranno l'abbraccio emozionale e l'unanime speranza nella vittoria di domenica”.

Tante le mancanze e poche le certezze: una di queste la voglia di stare insieme nel rispetto delle norme vigenti. “Porta Navarra c’è e non si ferma. Una settimana dolceamara che ricorda solo vagamente i fasti del Torneo – dichiara Emiliano Ciccoli, console del Rione Navarra –. Eventi centellinati, ma vissuti con entusiasmo e dedizione ai propri colori. È un'edizione che diventa simbolo di passione e sacrificio. La Giostra è un bene da proteggere e di cui andare orgogliosi. Sempre”. Chiude il banchetto propiziatorio di Porta Marina. Imperdibile la conviviale di venerdì 13 nella storica cornice del Chiostro di Santa Maria del Piano.  “Un’edizione comunque da vivere con entusiasmo e attaccamento al Rione, lo zoccolo duro della Civetta c'è sempre – sottolinea Carlo Porfiri Perugini, console di Porta Marina –. Nessuno di noi molla. Un inizio di settimana sotto tono solo in apparenza, perché chi crede in questa manifestazione e nella sua storia ne sta difendendo l'importanza”. A proposito di Porta Marina, va detto che il cavaliere giostrante Lorenzo Melosso domenica sarà al via regolarmente alla Giostra dell’anello: al termine delle prove ufficiali, nell’area box, era stato disarcionato dal cavallo e aveva riportato un infortunio al ginocchio, ma gli esami hanno scongiurato il peggio e dunque Melosso sarà tra i protagonisti.

Tanta attesa per i banchetti propiziatori e inaugurazione esplosiva del cartellone quintanaro con lo spettacolo “Brancaleone” del direttore artistico Giampiero Solari: “Un evento brillante che ha qualificato Servigliano come città d'arte e di storia, non potevamo iniziare in modo migliore. Questa sfumatura teatrale e cavalleresca condensa lo spirito del nostro paese, la vivacità della settimana che stiamo vivendo” ha sottolineato soddisfatto Marco Rotoni.

E intanto si prova forti dello slogan “Servigliano c’è e non si ferma”. In pista 5 cavalieri giostranti, tutti big di livello nazionale: Lorenzo Melosso (Porta Marina), Pierluigi Chicchini (Porta Navarra), Luca Innocenzi (Porta Santo Spirito), Massimo Gubbini (Paese Vecchio), Cristian Cordari (San Marco). Melosso, vincitore dell’ultima Quintana di Ascoli, è al debutto; gli altri 4 sono molto esperti e tutti hanno trionfato varie volte a Servigliano, Foligno, Ascoli.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram