Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Sabatini porta le Marche nel board che spenderà i soldi del Pnrr: "La nostra fusione è un modello. Insieme si può"

21 Luglio 2021

FERMO – Camera di Commercio delle Marche, novità non solo per la nomina di Gino Sabatini a vicepresidente nazionale di Unioncamere. L’ente regionale guarda avanti e diventa sempre più tecnologico stupendo Roma con i suoi cortometraggi dedicati ai servizi camerali. “Un unicum che ha colpito i colleghi, perché con semplicità si veicola quello che normalmente è molto tecnico e lontano dalla gente” spiega Gino Sabatini che poi torna sulla sua nomina nazionale.

“Il riconoscimento non è a me, ma a tutta la Regione. È la prima volta per il sistema regionale. Ci siamo riusciti grazie a un lavoro di squadra con le associazioni di categoria. Oggi possiamo incidere sul futuro, che almeno durerà i tre anni di mandato del neo presidente Andrea Prete” sottolinea Gino Sabatini.

Avere avuto una squadra solida e compatta ha permesso all’ente camerale di investire 33milioni di euro sulle imprese negli ultimi anni di mandato di Sabatini. Progetti sul debito, sulla ricostruzione, sulla innovazione: “Su tutto questo ci siamo mossi. E questo porteremo anche a Roma. Partendo dalla nostra capacità anche di relazionarci con le regioni vicine”. E poi c’è l’impulso sulla transizione ecologica che la Camera di commercio ha inserito tra le sue priorità.

Da quando c’è stata la fusione da cinque a una camera unica, le spese sono scese del 18%: “Siamo un modello. Perché lo abbiamo fatto senza togliere nulla, ma accrescendo i nostri sostegni in ogni campo grazie alla filiera istituzionale con i vertici della Regione: turismo, internazionalizzazione, tecnologia e cultura”.

Si sente un player nazionale Sabatini, ma non vuole entrare in casa d’altri. anche se l’ipotesi regionale anche per le associazioni lo vede d’accordo. “Il mio presidente ora arriva da Confindustria. Mi ha chiamato il presidente regionale Schiavoni. Con il tempo si possono trovare linee per far collimare gli interessi di vari territori. Anche le persone fanno la differenza. Il mio ruolo nazionale ora potrà essere anche di aiuto per superare le divisioni locali, facendo delle peculiarità un unico fattore. Fare squadra nelle Marche ci ha permesso di essere rappresentativi”.

Senza il sistema camerale unico le Marche non avrebbero avuto il ruolo, lo sa bene Gino Sabatini. Lui è un tassello. “Noi siamo una piattaforma che permette di lavorare con una voce sola”. Come inciderà Unioncamere, e quindi anche Sabatini, nella spesa delle risorse del Pnrr, ad esempio? “Possiamo agevolare degli interventi, magari far passare quel metodo di lavoro che nelle Marche ci ha permesso di raggiungere risultati. Ad esempio su formazione e imprenditoria femminile, che sono due dei nostri filoni, sono tra le priorità”.

Un tema sul tavolo è quello della meridionalizzazione delle Marche che ha portato a un aumento dei fondi europei, ma non per merito. Consumo culturale stiamo scendendo, abbiamo infrastrutture carenti. Insomma, regione con potenziale ma in una fase critica: “Siamo in una fase di transizione, lo ricorda sempre l’assessore regionale Castelli. Ma questo non significa che stiamo sprofondando. Dobbiamo lavorare di squadra andando oltre il singolo comune e provincia. noi dobbiamo agganciare il treno dello sviluppo collegato ai fondi in arrivo. Eravamo e possiamo diventare un modello economico. Basta con il messaggio che andiamo verso sud. Siamo una regione del centro con know how, imprese e piattaforme capaci di riportarci ai livelli che meritiamo” prosegue.

Prete non ha ancora assegnato deleghe. Intanto Sabatini il 17 settembre lascerà la guida della presidenza di Cna Marche e così si dedicherà a tempo pieno al suo doppio ruolo camerale. “Potrò passare più tempo a Roma, è necessario entrare nella stanza dei bottoni e poi viverla. Interloquire con gli stakeholder nazionali per portare nelle Marche contenuti, risorse e progetti” conclude soddisfatto il neo vicepresidente di Unioncamere.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram