Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Poderosa, lottare non basta. Ma è un inizio

22 Novembre 2019

“Siamo una squadra che lotta. Non fermiamoci a cercare un colpevole”. Il sunto del momento ‘no’ della Poderosa Xl Extralight secondo Valerio Cucci. Il battagliero lungo non ha mai avuto problemi a mettere il suo volto davanti ai problemi. E così anche questa volta, dopo il ko con Forlì: “Siamo una squadra brava a fare 39 passi e mezzo, poi inciampiamo. E perdiamo. Ed è la prima volta in carriera che mi capita di perdere tante partite per un tiro”. Una stagione strana, questo è certo. Visto che le migliori perdono con le ultime e in campo tante partite finiscono punto a punto. “Una cosa è certa: no vogli più sentire parlare di squadra giovane, di poca esperienza. Quello che dobbiamo capire è che chiunque entra in campo, titolare o panchinaro, deve dare il suo massimo, deve portare a un cambio di passo” gli fa eco Franco Ciani, coach di una squadra che ha un disperato bisogno di vincere, più per lo spirito che per la classifica, cortissima e senza padroni.

In tutto questo, poi, ci si mette anche il PalaSavelli che oltre che vuoto è anche costoso. Visto che la terna in grigio ha refertato gli insulti ricevuti e la Poderosa dovrà pagare 450 euro di multa. Di buono al termine del match contro la corazzata Forlì, “che si è definita corta ma che anche così è più lunga di noi” ribadisce Cucci, ci sono alcune prestazioni singole. Come quella dell’ex di turno Bonacini, che però arriva nel finale con la lingua di fuori e non riesce a concretizzare l’ottima prestazione.

L'amara sconfitta contro Forlì

Non deve abbattersi la Poderosa e soprattutto non deve cominciare a pensare di non saper vincere. Il buono tiro arriverà, ma deve partire da una difesa nettamente migliore e continua. Non si possono prendere trenta punti in un quarto e non è possibile che il 4 titolare, Michele Serpilli, giochi 5 minuti, chiudendo con 0 in tutte le voci e non rivedendo più il campo per un solo e semplice motivo: “Per il tipo di intensità e di fisicità, ho pensato che giocare senza di lui fosse più consistente. È stata una scelta” ha spiegato coach Ciani, mai come contro Forlì presente in campo con urla e anche proteste verso il peggior trio, le giornate storte valgono per tutti, visto negli ultimi anni sul parquet del PalaSavelli.

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram