Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

'Piccoli gesti, grandi crimini': Fermo dichiara guerra alle cicche di sigarette. Tribunale e ospedale le zone a rischio

7 Giugno 2021

FERMO – Immaginate due campi da calcio e mezzo, 270 metri. Solo che al posto dell’erba ci sono i mozziconi di sigaretta: “Questa la quantità di cicche prodotte solo a Fermo ogni mese”.  Un piccolo mozzicone, un grande danno. Marevivo, con la segretaria generale Maria Rapini, e Bat, con Alessandro Martines, sbarcano a Fermo per promuovere la campagna nazionale ‘Piccoli gesti, grandi crimini’ contro l’abbandono di mozziconi di sigarette. Tre città in Italia: Fermo, Catania e Bari. La segretaria generale Martini di Marevivo è arrivata a Fermo con Alessandro Martines di Bat.

Cosa comporta la campagna. Un passaggio in piazza del Popolo, zona palazzo dei Priori, lo chiarisce in un attimo: una scena del crimine in cui a terra ci sono le sagome delle vittime, dai pesci alle tartarughe marine, e il corpo del colpevole: la sigaretta.

“Una installazione di forte impatto emotivo che riassume al meglio il messaggio. Alla campagna si abbina l’installazione dei porta sigarette, porta cicche. Molti nel centro storico, perché il problema è in spiaggia quanto tra i vicoli. Fare parte di questa campagna nazionale è il segno che anche partendo da una piccola città si possono mandarne messaggi chiari di educazione e sensibilizzazione. Noi crediamo molto nel riuso, nella lotta all’abbandono della plastica, all’uso dell’acqua pubblica. Questa campagna è una tappa” commenta il sindaco Paolo Calcinaro.

Fermo ha subito detto sì. L’assessore Alessandro Ciarrocchi da anni investe nelal sensibilizzazione. “Piccoli gesti, grandi crimini è un messaggio che mi ha colpito. E non solo perché sono un avvocato penalista, è qualcosa che incuriosisce le persone. bravo l’ufficio ambiente a trovare questo progetto e a riuscire ad aderire. Come comune dobbiamo dare gli strumenti al cittadino. Se il centro del riuso è un mezzo, i porta cicche diventano un ulteriore contributo, sia quelli fissi che i 4mila che verranno distribuiti in spiaggia. insieme cambieremo lo slogan in ‘piccoli gesti, grandi risultati’”.

Conquistata da Fermo la segretaria generale: “Una piazza che merita campagne nazionali che la possano valorizzare ancora di più”. L’azione nasce da numeri sconvolgenti: oltre 4 trilioni di mozziconi finiscono dispersi. Se si pensa che son 6 trilioni le sigarette, significa che il ‘buttare’ è di uso comune. perché le persone lo fanno? “Spesso per mancanza di sensibilizzazione e la conoscenza del problema. A seguire l’assenza di posacenere e le sanzioni che non ci sono. Da qui, noi informiamo. Facciamo sensibilizzazione, ma soprattutto studiamo per valutare l’impatto economico e a seguire l’esito di una campagna”.

In un mese Fermo produce mozziconi di sigarette pari a due campi da calcio e mezzo, 270 metri, e questo è stato mostrato dal monitoraggio effettuato tramite satelliti che hanno permesso di dividere la città in tre fasce di rischio. “Il nostro obiettivo è far diventare i cittadini ambassador della campagna”. Spesso gli abbandoni in città avvengo tra le 8 e le 10 del mattino, l'orario pre ufficio: il corso, la zona dell'ospedale e la spiaggia libera di Lido sono tra le zone più ineressate.

Chiaro che potrebbero servire anche le multe: “Prima c’è l’ammonimento, poi deve esserci la sanzione”. Il 12 e 13 giugno ci sarà la distribuzione dei posacenere tascabili per eliminare l’abbandono di quelle cicche che impiegano più di 10 anni per decomporsi se lasciate in mezzo alla natura.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram