Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Paola Giorgi, Cesare Catà e la Città Ideale: tre giorni di teatro in tre borghi fermani per raccontare storia e bellezza

8 Settembre 2021

SERVIGLIANO/BELMONTE/MONTELEONE - Tre giorni di teatro, tre comuni coinvolti, una compagnia e un obiettivo: far rivivere la Città Ideale con parole, recitazione e momenti di incontro. Dietro il progetto, Paola Giorgi. Attrice, ex assessore regionale, oggi direttore artistico di Bottega Teatro Marche, con una lunga esperienza maturata seguendo le orme di Saverio Marconi, Giampiero Solari, con cui è tornata in scena l’anno scorso interpretando la morte in Brancaleone, e Valerio Binasco.

Servigliano, Belmonte Piceno e Monteleone insieme per MArCHESTORIE, progetto della Regione Marche. “La Regione Marche ha investito per promuovere le bellezze del territorio, per dare visibilità a piccoli borghi. Inoltre questo progetto servirà a prolungare la stagione turistica, offrendo ai visitatori l’opportunità di scoprire tesori nascosti. Con il Festival Storie siamo stati precursori di una rete tra comuni, oggi proseguiamo sapendo di avere sempre molto a offrire” commentano i tre sindaci.

Servigliano porta in dote il suo assetto urbanistico quadrangolare, costruito su disegno del Castrum Romano e che le permette di esibire il suo essere prezioso esemplare neoclassico di Città Ideale. “Ed è proprio intorno a questa caratteristica urbanistica che racconta la storia di Papi, popolo, visioni e suggestioni antiche che si articola il progetto artistico” precisa la Giorgi.

Tre giorni intensi. Si parte domani alle 18.30, nel terrazzo del convento di Santa Maria del Piano, con il professor Pippo Ciorra (Maxi Architettura senior curator), l’architetto Vittorio Salmoni (Focal Point di Fabriano Città creativa Unesco) e l’architetto Giovanna Paci sul tema “Conversazione ideale sulla Città”. Il convegno garantisce due creduti formativi professionali da parte dell’Ordine degli architetti di Fermo. Seguirà, alle 21.15 in piazza Roma, il debutto dello spettacolo “Urbs Mea Perfecta” con Paola Giorgi e Rosetta Martellini, testo di Cesare Catà, regia di Luigi Moretti. Replica alle ore 22.15.

Venerdì, due eventi si svolgeranno nella storica chiesa di Santa Maria in Muris a Belmonte Piceno: alle 18, presentazione del libro “Brancadoro” di Donatella Antognozzi; alle 19, rappresentazione di “Urbs Mea Perfecta”. Lo spettacolo verrà riproposto a Servigliano alle 21.15.

Chiusura, sabato 11, con focus su Monteleone di Fermo, negli spazi del caratteristico largo Mazzini: alle 18, presentazione del libro “Monteleone di Fermo, la storia delle vicende di un piccolo Comune” di Carlo Verducci; alle 19, rappresentazione di “Urbs Mea Perfecta”; alle 20, inaugurazione del museo della civiltà contadina. Gran chiusura a Servigliano, alle 21.15, con l’ultima replica dello spettacolo con Paola Giorgi e Rosetta Martellini.

“C’è un filo conduttore che accompagna l’evento, la ricerca e la sua espressione artistica: è il numero 3, numero ideale. Tre infatti sono le porte di ingresso alla Città di Servigliano: Porta Clementina detta anche Porta Marina, Porta Santo Spirito e Porta Pia detta anche Porta Navarra da cui parte la strada che conduce a Belmonte Piceno e Monteleone di Fermo. Ogni Porta reca un significato: sacralità, divinità, bellezza. Tre sono anche gli elementi di Città Ideale Chiesa, mercato e piazza. Ed ecco anche il significato di 3 Comuni che si stringono attorno ad un unico progetto” aggiunge la direttrice artistica.

I comuni si sono organizzati e hanno anche pensato a un ‘piatto ideale’ da provare nei vari locali. Tutti gli eventi sono a ingresso libero. Tornando allo spettacolo, che dura 40 minuti, si affida a canto e recitazione e percorrerà la rinascita settecentesca di Servigliano sotto papa Clemente XIV. Catà ha saputo poi intrecciare storia e leggenda, nobili e popolo e scrivere testi in cui coesistono ricerca e condivisione. Ed emozione. Il tutto seguendo un lavoro di Angelo Paci, storico linguista serviglianese.

“Racconto – riprende Catà - la vicenda di due sorelle serviglianesi (in scena Giorgi e Martellini), in un giorno qualunque delle loro vite, ponendo sullo sfondo gli antichi eventi fondativi del loro paese, il suo genius loci e quello dei borghi confinanti di Belmonte Piceno e Monteleone di Fermo”.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram