Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Ospedali puliti e sanificati, ma a che prezzo? La protesta delle lavoratrici: "7,15 euro all'ora e siamo obbligate al part time"

13 Novembre 2020

FERMO – Si sono ritrovati davanti all’ingresso dell’ospedale Murri. Con loro bandiere, felpe colorate e tanta voglia di far capire perché protestano. Sono i lavoratori e lavoratrici delle cooperative che puliscono gli ospedali e anche gli uffici postali. Un mondo di ‘sconosciuti’ che per 7,15 euro lorde all’ora entrano nelle sale operatorie, nelle stanze, girano per i corridoi e puliscono.

“Non solo, dall’arrivo del Covid si occupano anche della sanificazione. Quindi, rischi e carico di lavoro senza alcun aumento della remunerazione” spiega Frediana Tarquini della Filcams Cgil. Lei dà voce alle tante lavoratrici, “sono quasi tutte donne e part time involontarie”, che si muovono tra le strutture di Fermo e Ascoli, passando per Amandola, Montegranaro e Porto San Giorgio. Un esercito di 300 stracci, scopettoni, guanti e schiene che si piegano per uno stipendio che solo per le più fortunate, quelle da 25-30 ore, raggiunge gli 800 euro, per le altre la media è di 300. "Il comparto è ricco, ma i lavoratori sono poveri, qualcosa non funziona" ribadiscono i sindacalisti.

L’obiettivo è il rinnovo del contratto: “Non chiediamo tanto, ma di arrivare a 9 euro, se non dieci, all’ora. Considerando che sono sette anni che non viene toccato” prosegue. Non sarà facile ottenerlo, ma non demordono: “Siamo uniti, compatti al fianco anche di chi lavora alle Poste, dove va ancora peggio. Part time ancora più ridotti e dipendenti costrette a lavorare anche in sei uffici diversi”.

@raffaelevitali

redazione@laprovinciadifermo.com

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram