Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Offerte vantaggiose e finti amici alla porta, occhio alle truffe: i consigli della Polizia di Fermo

3 Ottobre 2020

FERMO – Attenzione alle truffe. Aumentano, ma vengono anche a galla visto che sempre più persone si presentano in questura per segnalare raggiri online e non solo. Due esempi, l’acquisto di una taglia era e una polizza auto.

“Tutto ben organizzato. Infatti – spiega la Polizia- il trattore era su un sito specializzato nelle vendite on line. Non solo, il venditore oltre all’Iban aveva fornito al compratore anche un cellulare e un documento di identità. Una volta ricevuti i mille euro, il venditore comunicava l’avvenuta spedizione. Ma i giorni sono passati e del trattore non c’era più traccia”.

A quel punto è scattata la denuncia per truffa ed è emerso che il documento di identità fornito era falso e che il cellulare era stato usato per altre truffe in giro per l’Italia da un calabrese. Mentre la carta ricaricabile, dove erano stati versarti i soldi, subito svuotata, è intestata da una donna residente nello stesso comune.

Altra truffa meno sofisticata quella messa in atto a Porto Sant’Elpidio. Una donna che suona alla porta e si presenta come una amica della moglie dell’uomo che le ha aperto. Dà dettagli come nome e cognome da nubile e chiede di poterla aspettare. Solo che aveva sbagliato i tempi, la moglie era nell’altra stanza. A quel punto per giustificarsi provava a raccontare una storia legata alla Tari mentre si avvicina alla porta, che apre velocemente e scappa in direzione di una autovettura di piccola cilindrata che la attendeva con alla guida una complice e con il motore acceso.

I proprietari dell’abitazione non riscontravano, per fortuna, alcuna sottrazione di beni. Purtroppo, dopo circa un’ora, probabilmente la stessa coppia di delinquenti è riuscita a portare a termine una analoga truffa introducendosi con una scusa simile nell’abitazione di una anziana e mentre una delle due complici la intratteneva l’altra chiedeva di poter utilizzare il bagno riuscendo, invece, ad introdursi nella camera da letto ed aprire alcuni cassetti del comò dal quale sottraeva un cofanetto contenente gioielli.

“Fate attenzione, dubitate delle offerte apparentemente molto vantaggiose pubblicizzate sui siti web ma soprattutto non fate accedere in casa persone che non si conoscono e di segnalare immediatamente al numero di emergenza della Polizia di Stato tali tentativi di intrusione per consentire un celere intervento ed assicurare alla giustizia i truffatori seriali”.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram