Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La ludopatia è una malattia. Il primario Pannelli: "Seguiamo 60 casi all'anno"

12 Dicembre 2019

FERMO – 100 miliardi vale la ludopatia in Italia. A Fermo il tema l’hanno affrontato i vertici sanitari e dei tabaccai, davanti anche alle forze dell’ordine, in pole il comando della Finanza e della Polizia di Stato.

“Tra i malati patologici meno del 10% è in cura. Troppo spesso viene considerata un vizio e non una malattia da curare. Dobbiamo pensare invece che è un malato chi gioca” ribadisce il primario del servizio dipendenze patologiche, Giorgio Pannelli. La cura è complessa, non si parte di certo dai farmaci: “Serve un trattamento multimodale, integrato che coinvolge diverse figure professionali. In primis lo psicologo, in modo da lavorare sul comportamento. Poi si arriva ai gruppi di auto aiuto”.

Nel Fermano il servizio di dipendenze patologiche segue i ludopatici dal 2002, ma è con la grande crisi posto 2011 che sono cresciuti i numeri: una sessantina di pazienti all’anno. “227 quelli trattati fino a oggi da quando siamo partiti all’interno dell’Asur 4” ribadisce la dottoressa Sacchini.

redazione@laprovinciadifermo.com

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram