Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La bellezza senza casa in mostra: da Jacobello a Crivelli, il Rinascimento marchigiano a Roma

18 Febbraio 2020

ROMA – Meraviglie senza casa. Una importante occasione di promozione artistica e territoriale. Le migliori opere dei comuni colpiti dal sisma sono state raccolte e inserite all’interno della monumentale mostra che fino al 5 luglio è visitabile nel complesso monumentale di San Salvatore in Lauro del Pio Sodalizio dei Piceni a Roma.

La mostra ‘Rinascimento marchigiano, opere d’arte restaurate dal sisma’ è stata pensata e realizzata da Stefano Papetti e Pierluigi Moriconi e mette a diposizione di romani e turisti pezzi unici e difficilmente ammirabili da soli: in testa, i colori caldi e la preziosità dell'oro nelle tavole con le Scene della vita di Santa Lucia dipinte da Jacobello del Fiore custodite nel Palazzo dei Priori di Fermo. Ma non solo: il gioco di gesti e sguardi dell'imponente Visitazione di Giovanni Baglione del Santuario di Santa Maria delle Vergini di Macerata; la resa perfetta dei tessuti decorati nella Madonna adorante il Bambino e angeli musicanti di Vittore Crivelli, conservata alla Pinacoteca Civica di Sarnano. E poi, accanto a questi capolavori d'arte strappati alla violenza distruttrice del terremoto, anche opere che fungono da testimonianza tangibile della devozione popolare o che sono simboli di ciò che non sarà più, come l'olio su tela dipinto da un anonimo artista con i Santi Pietro e Paolo, un tempo custodito nella chiesa della frazione Capodacqua di Arquata del Tronto, ormai irrimediabilmente distrutta.

La mostra, che ha debuttato ad Ascoli Piceno, varca ora i confini regionali. Un percorso tra 36 opere d'arte, tra dipinti, arredi e sculture, databili tra il '400 e il '700, che sono state restaurate dopo il terremoto del 2016 e che sono tutte espressione della ricchezza culturale di un territorio di certo ferito, ma ancora vivissimo e pronto a difendere la propria identità.

Dopo Roma, toccherà a Senigallia, in piena estate, mostrare al mondo la bellezza marchigiana. Fondamentale in tutto il progetto è stato l'apporto scientifico della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche e delle Università di Urbino e di Camerino, grazie a cui ogni opera è stata restaurata in seguito ad accurate analisi diagnostiche utili non solo a riparare i danni subiti a causa del terremoto, ma anche per poter acquisire nuove conoscenze sulle tecniche e fare nuove attribuzioni. Ideata subito dopo i tragici fatti del 2016, questa mostra è la chiara dimostrazione di quanto le Marche, pesantemente colpite nel loro patrimonio artistico mobile e immobile, abbiano voluto reagire tempestivamente.

“Questa – spiega la soprintendente Marta Mazza - è una mostra esemplare, perché si radica sulla attività di tutela svolta in modo sistematico sulle opere del patrimonio. Inoltre è espressione dell'energia e della vitalità della ricchezza culturale delle Marche. Il progetto evidenzia poi quanto la tutela e il recupero siano per noi un work in progress, prosegue, «dopo il sisma abbiamo creato ben 8 depositi, dei quali il più grande è ad Ancona, in cui custodire le opere terremotate che sono 15mila. Resta aperto ancora il tema dei contenitori di queste opere, ossia di quei luoghi dove questi lavori dovrebbero tornare”.

“Le Marche sono state le più colpite dal terremoto, sia sui beni monumentali che su quelli mobili - afferma il curatore Pierluigi Moriconi - Purtroppo di tutte le opere che abbiamo recuperato solo una piccola parte tornerà nelle loro case: noi comunque cercheremo di restaurarle tutte”.

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram