Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Incendio a Servigliano, muore bimba di 7 anni. Rotoni: "Aiuteremo la famiglia"

8 Gennaio 2020

SERVIGLIANO – “Cerchiamo di essere vicini alla situazione di estremo dolore della famiglia, se poi dovesse essere necessario da parte nostra attivare qualsiasi tipo d'intervento, è evidente che ci siamo”. Il sindaco Marco Rotoni è provato, una tragedia del genere non l’avrebbe mai immaginata nella sua Servigliano. Le fiamme divampate all’interno di un appartamento lungo la circonvallazione Clementina, a due passi dalla piazza ammirata dai turisti, hanno provocato la morte di una bambina di sette anni.

Si trovava in casa con la madre e la sorellina di cinque. Stavano tutti dormendo quando il fumo ha riempito la casa verso le 3 di notte. Al momento del rogo la madre si è svegliata sentendo un odore acre ed è riuscita a portare fuori solo la più piccola delle bimbe, nate in Italia da genitori kosovari, tra Marche e Abruzzo, senza poi riuscire a rientrare per salvare anche l'altra. Il padre, un operaio edile di 40 anni, non era in casa. È arrivato poco dopo. Quando non c’era più nulla da fare. “Quando sono arrivato sul posto – racconta il sindaco - il papà era lì vicino a me...e non era in uno stato d'animo da tante domande”. A chiamare i soccorsi sono stai i carabinieri che impegnati in un consueto pattugliamento hanno visto il fumo e poi la donna con la bambina a bordo strada, immobile e disperata.

Sul posto sono rimasti per ore vigili del fuoco, i carabinieri, gli esperti della scientifica e un magistrato della Procura di Fermo per i primi accertamenti finalizzati a ricostruire le cause dell'incendio nell'abitazione, ora sotto sequestro, situata al primo piano di una palazzina su due livelli nella cortina muraria del centro storico. “Siamo stati avvisati dai carabinieri - racconta - e abbiamo cercato di dare una mano in una situazione complicata anche per lo svolgersi rapidamente degli eventi e per il luogo angusto. Le cause? Sono al vaglio dell'autorità inquirente. È una situazione difficilissima, in una comunità piccola e per una famiglia trasferita qui da pochi mesi con figlie piccole. Una famiglia discreta che vive con le proprie risorse. Cerchiamo di stare vicini in una situazione di estremo dolore”.

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram