Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il Verde Mare è pronto: 80 famiglie già in vacanza. "Quattro anni di attesa, tutto il Fermano brinda con Chiesa" (video)

14 Giugno 2020

di Raffaele Vitali

FERMO – Le lacrime sul viso ben più giovane dei suoi 90 anni, la pioggia che scende dal cielo, il ritorno del Verde Mare è segnato dall’acqua. Quella che la grande piscina spera presto di rivedere azzurra al suo interno.

“Ma il ricorso della procura di Fermo ha bloccato un finanziamento di 600mila euro che la Carifermo ci aveva garantito. Purtroppo anche loro hanno le mani legate di fronte all’incredibile ricorso della procura di Fermo” spiega Paolo Petracci, socio di Felice Chiesa, il battagliero e visionario imprenditore che oggi, mentre soffia sulla candelina con il numero 90, vede riaprirsi i cancelli e finalmente tornare a vivere roulotte e casette, con 80 famiglie già in postazione.

Al suo fianco la nipote, a cui dedica la riapertura, e poi la figlia, i soci Fulimeni e Petracci, con le famiglie, i referenti del comitato Verde Mare, che negli ultimi quattro anni sono stati la sua famiglia allargata, il sindaco Paolo Calcinaro e l’assessore Mauro Torresi. È un giorno speciale per Marina Palmense. Anche se il presente è segnato con forza dall’indagine giudiziaria che negli ultimi quattro anni ha segnato la vita di Felice Chiesa.

La racconta passo dopo passo, ha un librone sul tavolo, è pieno di ritagli di giornale, di atti processuali, di verità anche smentite dai fatti. “Ho superato ogni tipo di controllo. Sono stato accusato di tutto e assolto. Lottizzazione abusiva, inquinamento industriale, non rispetto delle norme antincendio. Ogni accusa è caduta, ogni volta ho dimostrato la mia innocenza e soprattutto la correttezza di questo villaggio che è la mia vita”. Perché lui ne ha anche altre di strutture, ma il Verde Mare è qualcosa di speciale.

Lo è per lui e per chi ci torna da generazioni, alcune sono arrivate alla terza. Come ricorda pubblicando su Facebook una foto Francesca Stefanelli, che nl 2016 vinse il contest fotografico interno con un’immagine del colorato ferragosto. Nessuno avrebbe mai pensato che sarebbe stato l’ultimo, tantomeno lei che da 31 anni frequenta il verde Mare e che aveva un sogno, farlo vivere ai suoi figli. E da oggi potrà.

Una vita intensa quella di Chiesa, diventato anche ambasciatore della bellezza delle Marche, prima in giro per l’Europa, poi in maniera assidua in Repubblica Ceca, dove gli haanno dedicato un francobollo, e Russia. Tanto da portare ogni anno migliaia di turisti dai due Paesi nelle strutture di Porto San Giorgio e Fermo. Nella sua vita anche l’incontro con Arafat, insieme ai funzionari della Regione ha girato tutte le capitali europee per promuovere le Marche, “una regione completamente sconosciuta che molti abbinavano all’Umbria”.

Battagliero e non poteva essere diversamente: “Mia madre per la resistenza e per la libertà dell’Italia ha perso un figlio, un fratello e un nipote. Partigiani e per questo ha avuto la medaglia d’oro”. Insomma, la lotta è nel suo Dna e sta al professor Rotunno raccontarla in un libro “che lascerò ai miei nipoti con il titolo ‘Come ho imparato a essere Felice’” ribadisce l’imprenditore abbracciando la nipote che resta con la mascherina lasciando scoperti solo gli occhi che ha rubato a Gloria Guida.

I dipendenti in azione sono già una ventina, ma presto torneranno anche gli animatori e altro personale. “Per fine mese la piscina e tutta l’area sportiva sarà pronta e il villaggio splenderà” riprende ricordando che secondo uno studio le 180mila presenze del Verde Mare avrebbero garantito all’indotto sul territorio 3milioni di euro, quindi il danno per la chiusura non è stato solo personale.  

Ma bisogna avere fiducia. “Il verdemare è uno scrigno, ancora di più in questi momenti di difficoltà che mai ci saremmo immaginati. È una possibilità che ha il territorio, tutto l’entroterra. Oggi Felice dico guardiamo avanti, ogni volta che guardi le carte del processo senti male dentro. Per cui Felice, guarda avanti. Lavori da fare insieme, penso alla spiaggia qui di fronte, al completamento delle scogliere, ne abbiamo molti” conclude il sindaco prima del brindisi benaugurante, come la pioggia che si spera diventi sole per i mesi chiave di luglio e agosto.

redazione@laprovinciadifermo.com

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram