Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il Covid Center di Civitanova non riapre. Il primario Amadio: "E' una struttura emergenziale. Oggi i casi crescono, ma li gestiamo"

2 Ottobre 2020

FERMO - Che fine farà il Covid Center di Civitanova Marche? Il piano è semplice e non prevede l’apertura di quella che il primario di Malattie Infettive, Giorgio Amadio, definisce “una struttura emergenziale”.

Nel dettaglio entra il direttore dell’Area Vasta 4: “L’importante è stare in un percorso condiviso che vede le malattie infettive di Fermo e la terapia intensiva di San Benedetto, che ha 12 posti, al centro dell’azione. E via dicendo tutto il sistema, fino a coinvolgere il Torrette e Marche Nord. Poi se ci starà un altro livello ancora di necessità, si valuterà Civitanova”.

E allora a cosa serve il Covid Center se non a evitare che si ‘sporchino’ gli ospedali normali? “Oggi i nostri ospedali non sono sporchi, ma ben organizzati. E così San Benetto del Tronto che ha una rianimazione dedicata. Civitanova è pensato con posti di terapia intensiva, ma non è un ospedale. Un paziente Covid si può complicare e può avere bisogno di altri reparti” aggiunge Livini.

“Il Covid Hospital è una struttura di sei moduli da 14 posti di terapia intensiva. Non altro. È arrivato in coda all’emergenza, per noi è il livello ultimo a cui affidarsi se si ripresenta l’emergenza” riprende Amadio che aggiunge: “Vediamo meno pazienti, ma i sintomi sono sempre più simili a quelli di marzo. Non abbiamo una metodica di carica virale, ma sappiamo che quando si supera una soglia di persone infette si scatena il virus”.

r.vit.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram