Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il caso. Murri in difficoltà. Stop alle vaccinazioni, chiusi dei reparti. Due richieste alla Regione: usare il Covid Hospital e più personale

7 Novembre 2020

di Raffaele Vitali

FERMO – “Noi siamo pronti, apriteci il Covid Center ai nostri pazienti e ci organizziamo” fanno sapere dal Murri. Il punto però è uno: cosa vuole la regione Marche? Al momento l’ospedale di Civitanova è stato attivato, più per spot, con pochi letti occupati.

Per aprirlo davvero servono due cose: volontà politica e organizzazione. La tutela dei pazienti, ma anche degli operatori sanitari. E per questo serve un accordo serio e completo. Copertura assicurativa, medico legale, riconoscimento economico: ecco i diritti, giusti, che rivendicano i sanitari e che la direzione vuole garantire per poter poi spostare medici e infermieri al Covid Hospital senza problemi e polemiche insieme con i ricoverati. Ma prima serve l’ok di Ancona, doppia sponda, per poter anche chiudere l’accordo con le rappresentanze sindacali.

La cosa evidente è che il Murri ha bisogno di questa soluzione, altrimenti tutto si complicherà, con un continuo e inesorabile accorpamento di reparti, il che significa riduzione dei servizi ordinari. Come sta accadendo per la vaccinazione. La comunicazione del direttore del dipartimento, Giuseppe Ciarrocchi, è preoccupante: “la grave situazione emergenziale ha reso necessario potenziare le attività di indagine epidemiologica, tracciamento dei contatti e accertamento diagnostico, al fine di identificare rapidamente i focolai, isolare i casi ed applicare misure di quarantena dei contatti e contribuire a mantenere la trasmissione sotto controllo.

Pertanto, tutto il personale è impegnato ad assicurare tale attività prioritaria (100 positivi al giorno significano 400 telefonate), assicurando comunque, analogamente a quanto fatto nel periodo marzo-maggio le vaccinazioni dei bambini 0-2 anni e le vaccinazioni dei soggetti a rischio per patologia. Tutte le altre attività, vedi gli over 65, sono differite a data da destinarsi con azioni di recupero".

C’è chi protesta, chi chiede di usare i volontari per fare il tracciamento. Ma non funziona così. Non si può affidare il servizio a un volontario, non è una prenotazione, ma una prima verifica del quadro, comprendere davvero come è stato il contatto, la sintomatologia. Insomma, serve qualcuno del mestiere.

Non facile da trovare, a riprova sono arrivati tre medici neo laureati sui sei che l’Asur aveva trovato ed era ponta ad assumere. E i vaccini? Non resta che a fidarsi ai medici di base, con il problema dei pediatri, che non hanno ancora un accordo siglato fondamentali per quella fascia 2-6 che l’Asur non riuscirà più a coprire.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram