Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

I calzaturieri bocciano il decreto. Fenni: "Spostare il pagamento delle tasse, liquidità e soldi ai negozi"

23 Marzo 2020

Il presidente della sezione di Confindustria: fino a oggi nessuno ha parlato di insoluti, di protesti degli assegni, di rating bancario, di fidi assicurativi

“L’unica cosa intelligente da fare era di bloccare tutto: non si paga e non si incassa, per tutti. Noi viviamo con la moda, qualcuno mi spieghi come è possibile svuotare i magazzini tra due mesi. Continuano le chiamate per cancellare ordini, per dilatare pagamenti, eppure abbiamo prodotto, noi abbiamo garantito la parola data a fornitori e clienti”. Valentino Fenni, presidente della sezione calzaturieri di Confindustria Centro Adriatico, è duro.  

Non gli piace il nuovo decreto: “Fino a mercoledì in fabbrica, almeno chi ne ha bisogno. Già in tutte le aziende era stata garantita la sicurezza, siamo riusciti a trovare le mascherine o quantomeno a produrle internamente. Abbiamo sanificato i locali di lavoro, i macchinari, abbiamo seguito ogni prescrizione, organizzando turni e lavoro domiciliare per impiegati e operai. Però ora sappiamo di doverci fermare. I nostri dipendenti sono come i nostri familiari e a nessuno piace guardare negli occhi le persone che hanno paura”.

Ma non è bastato. “Ogni giorno entrando in azienda tutti pensiamo a chi è in prima linea, gli operatori sanitari che salvano vite. Ma ogni giorno noi abbiamo continuato a lavorare per garantire anche il futuro delle persone. Quel futuro che non vedo dentro il decreto. Ora per due giorni abbiamo la possibilità di spedire la merce. Lo può fare chi ad esempio lavora molto con il web, chi vende nel Far East, dal Giappone all’Oriente che sta ripartendo. Bloccando la produzione rischiamo di perdere le commesse dei grandi brand. Spero solo che questo nuovo sacrificio serva.”.

Le misure attuate le reputa “ridicole”. E i motivi sono diversi: “Non solo mancano risorse, qualcuno si rende conto che per far partire la cassa integrazione, che garantisce i lavoratori ma che viene anticipata dall’azienda e rimborsata dopo mesi dallo Stato, i professionisti, dai commercialisti ai legali, vanno pagati? Al datore di lavoro chi ci pensa? E poi, chi tutela i negozianti, l’anello finale della catena. Con il 60% del credito di imposta sull’affitto, che poi tra due mesi quando riaprono dovranno pagare tutto? Fino a oggi nessuno ha parlato di insoluti, di protesti degli assegni, di rating bancario, di fidi assicurativi. La liquidità come pensano di crearla da aprile? Ci sono troppe lacune in questo decreto. Che noi rispettiamo per il bene di tutti” prosegue.

Come tanti sabato sera era davanti alla tv ad attendere il discorso del premier: “C’è confusione, troppa. Non si può comunicare alle 23 di sera su Facebook. Il premier si sta impegnando, guida il Paese in una situazione mai vissuta prima, ma serve più equilibrio, i messaggi devono dare sicurezza, non aumentare in ognuno confusione e timore.

Il Governo non può sperare che a maggio e giugno tutti siano in grado di pagare le tasse. Almeno devono essere spostate in autunno. Ma non solo per chi fattura meno di due milioni di euro. Il nostro distretto non è la Fiat, ma buona parte delle imprese supera quella soglia. Qui si rischia di schiacciare tanti piccoli. Non pensiamo solo al presente, va tutelato anche il datore di lavoro che ha un solo obiettivo: ripartire per continuare a pagare gli stipendi e mantenere la coesione sociale”.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram