Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Gite in sicurezza. Linee guida di Provincia e Stradale: "No agli autisti pensionati"

10 Gennaio 2020

FERMO – Si parla di sicurezza in Provincia con il vademecum realizzato insieme con la Polizia Stradale di Fermo. “Una guida per le scuole superiori e i viaggi di istruzione. Qualche anno fa un piccolo vademecum con le informazioni utili per i dirigenti delle scuole superiori per effettuare le procedure più corrette per le procedure di appalto per scegliere i pullman, per dare indicazioni per i professori. Nulla che sovraccaricasse, ma che potesse essere utile” spiega il vicepresidente Stefano Pompozzi affiancato da Laura Lupi.

Una best practice che oggi viene rinnovata insieme con il dirigente della Polizia Stradale, Ernesto Bamonti, e il vice ispettore Di Girolami. “Prevenzione. E per farlo bisogna affidarsi agli esperti. E chi più degli agenti che sono sempre sul campo?”. La Provincia ha puntato il mirino sugli autisti “dove suggeriamo che siano scelti se legati alla ditta con un contratto di lavoro e non a chiamata, cosa che potrebbe rendere più complicati una serie di controlli”.

Nel merito entra il comandante Bamonti: “Una Provincia sensibile alle tematiche della sicurezza. Questa guida è un valido supporto per i viaggi di istruzione. Una guida che riprende il vademecum redatto dalla Stradale, integrandolo. Ad esempio chiedendo alla impresa di supporto determinati requisiti a livello di affidabilità ed esperienza, ovvero una assunzione da almeno a un mese e di certo non a chiamata”. In questo campo i problemi sono di non semplice soluzione. Per due ragioni principali, una tecnica e una umana. Ci sono ancora autobus con cronotachigrafo analogico e non digitale che invece certifica ogni passaggio e ha al suo interno le schede di mezzo, azienda e autista, che così non può ad esempio tornare con il pullman di una ditta alle 3 di notte e ripartire alle 6 del mattino con un’altra. “Abbiamo spesso trovato dei pensionati, con questa brochure dovrebbero non più esserci, almeno nel Fermano” aggiunge Di Girolami che si occupa dell’ufficio verbali.

Il vademecum della Polizia è nato con il programma (LEGGI) ‘Safe school trip’ (durato tre anni), premiato a Londra come miglior programma per la sicurezza del trasporto scolastico. “Un premio prestigioso che certifica la sua efficienza nel campo della sicurezza”. In Italia nel triennio sono stati controllati circa 60mila autobus: “Di questi 40mila sono stati segnalati dalle scuole e nel mentre sono state ritirate 148 patenti di guida, trovati 35 autisti sotto l’influenza di alcool e due che avevano usato droghe. I controlli hanno permesso un calo del 10% degli incidenti, del 28% per quanto riguarda i mortali” prosegue il comandante che plaude davvero all’iniziativa provinciale “che permette “un passo in più approfondendo alcune tematiche”.

Di Girolami entra poi nel dettaglio dei controlli: “Si articolano in tre fasi: la prima è delle carte, dall’assicurazione alla revisione; la seconda è sul conducente, partendo dalla patente di guida che deve essere professionale e poi verifichiamo l’assunzione, serve una busta paga dell’azienda, i tempi di guida e riposo; controllo strutturale con estintori, cassette di sicurezza, martelletti “e capita spesso che le uscite di sicurezza non sono funzionali, devono aprirsi anche con motore spento. Questa è una delle cose più frequenti che riscontriamo”.

Per quanto riguarda il parco auto “in questa zona è buono. Da dieci anni una evoluzione, anche a livello di gomme. In passato ci trovavamo di fronte anche ad autobus non adatti ai disabili, oggi l’attenzione è cresciuta in ogni aspetto”. La Stradale se chiamata interviene anche per aiutare le varie Polizie Municipali se necessita di supporto preventivo o una volta fermato un mezzo.

Nel vademecum c’è inserito anche il modellino da compilare per le scuole da inviare alla Stradale prima dei viaggi di istruzione. “Le scuole da tempo ci mandano l’organizzazione delle gite con orari, classi e destinazioni. Poi noi ci presentiamo in partenza e procediamo al controllo oppure indichiamo alla Polizia Autostradale che può intervenire anche una volta partito il mezzo. Quello che noi chiediamo è la tempestività della comunicazione alle scuole, in modo da poter programmare i controlli”.

Raffaele Vitali

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram