Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Filisetti torna in cattedra: lezione di diritto ai sindaci. "Non si interrompe il servizio scolastico, collaboriamo"

9 Gennaio 2022

FERMO – Ha scelto il silenzio per 48 ore, poi, la lunga nota in cui spiega perché ha provveduto, il 6 gennaio, a comunicare alle scuole di ogni ordine e grado di dover attivare la didattica a distanza. Una lezione di diritto per i sindaci quella del direttore dell’ufficio scolastico regionale, Ugo Filisetti.

“I provvedimenti dei sindaci che, sentite presumibilmente le competenti autorità sanitarie, hanno ritenuto di disporre la deroga alla didattica in presenza sono stati adottati, generalmente, il 5 gennaio, senza comunicazione all’amministrazione scolastica regionale” spiega Filisetti. Che poi cita le norme, a cominciare dalla legge del 6 agosto 2021 (“Disposizioni urgenti per l'anno scolastico 2021/2022  e  misure  per  prevenire il contagio da SARS‐CoV‐2  nelle  istituzioni  educative,  scolastiche e universitarie”) secondo cui “presidenti  di  regioni e  province    autonome  e sindaci  possono  assumere,  per  specifiche  aree  del  territorio  o  per  singoli  istituti, esclusivamente  in  zona  rossa e in circostanze di  eccezionale e straordinaria necessità dovuta all'insorgenza  di focolai o al rischio estremamente elevato  di  diffusione del virus SARS‐CoV‐2 o di sue varianti nella popolazione  scolastica”.

Decisione quindi di per sé lecita, ma quale è la straordinaria necessità? “Conosciute le decisioni dei sindaci l’amministrazione scolastica ha ricordato alle scuole di propria competenza che tali provvedimenti non possono determinare la sospensione dell’attività didattica ma solo la variazione della modalità della stessa, come stabilito dalle norme da tempo vigenti”.

Le scuole, tra l’altro, hanno adottato fin dal 31 ottobre dello scorso anno un “piano scolastico per la didattica digitale” da attivare in specie “qualora si rendesse necessario sospendere le attività didattiche in presenza a causa delle condizioni epidemiologiche contingenti”. “Non solo – precisa Felisetti - alle famiglie è stata fornita dalle singole scuole una puntuale informazione su contenuti e caratteristiche che regolano tale metodologia e relativi necessari strumenti”.

Quello che ha amareggiato è che “i provvedimenti sindacali in alcuni casi parrebbero essere stati erroneamente intesi come un prolungamento della sospensione dell’attività didattica e scolastica o una interruzione del servizio scolastico, da qui l’opportunità dei chiarimenti resi dall’USR al riguardo alla luce delle norme vigenti, così di evitare fraintendimenti da parte di chiunque. Il mio intento è solo quello di assicurare la migliore integrazione dell’azione dell’amministrazione scolastica con quella dei Comuni, delle Province e della Regione nell’esercizio delle loro competenze” (foto Il Resto del Carlino).

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram