Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Fermana è tutto vero: Ginestra para, Neglia segna e la Samb piange

3 Febbraio 2020

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una Fermana a due facce, prima subisce e poi colpisce con l’ultimo arrivato, l’attaccante ex Bari Neglia e ammutolisce il Riviera delle Palme davanti alle telecamere di RaiSport.

Che sofferenza il primo tempo. Mauro Antonioli deve dire grazie al portiere Ginestra se ha chiuso i primi 45’ sullo 0-0. Perché la Fermana non ha praticamente giocato: zero tiri in porta, zero conclusioni anche fuori. Ma tanta freddezza nel portierone che ha compiuto almeno tre miracoli: la prima su una leggerezza di Iotti che regala palla all’attaccante della Samb, poi al 16’ e infine al 45’ con un intervento prodigioso. E sarà anche per questo che sale la tensione in campo dopo un contatto tra il piede di manetta e la testa di un difensore della Samb e il pallone lanciato in mezzo alla curva della Samb da Petrucci. L’arbitro rimedia e trasforma gli spintoni tra i giocatori in due ammonizioni. Finisce così, con una botta di adrenalina che sveglia la Fermana dopo un primo tempo narcotizzato che lascia l’amaro in bocca ai rossoblù di Montero.

Nella ripresa debutta Esposito, che prende il posto del nervoso Petrucci, lasciato negli spogliatoi da Antonioli. Ma non cambia il leit motive, almeno nei primi 15’ con il solo Ginestra che tiene in piedi la Fermana, incredibile un altro suo intervento con i piedi su Biondi da pochi metri. "Questa notte è morta Elsa, la nonna della mia ragazza. Non ho dormito quasi nulla, ma sentivo gli angeli sopra la traversa" ha detto aalal fine il portierone lasciato libero dal Notaresco "proprio per poter vivere un derby così". Quando al 62esimo entra Bacio Terracino per Cognigni, i dubbi sulla voglia di vincere dei canarini aumentano. Ma basta poco per capire che Antonioli così prova a togliere riferimenti alla difesa della Samb. E considerando che le prime due occasioni della Fermana nascono proprio dai piedi di Bacio Terracino, Antonioli in pochi minuti ha dimostrato di saper leggere il campo.  

La Samb accusa il colpo, comincia ad avere paura, capisce che la Fermana non pensa più solo a difendere e traballa. Continua a giocare e ad attaccare, ma senza Cognigni in campo i difensori rossoblù non sanno come muoversi e proprio da una indecisione tra portiere e centrale nasce l’incredibile gol di Neglia che a colpo sicuro, da quasi centrocampo, trova il pallonetto vincente che manda in visibilio i 300 tifosi canarini. La Samb cade a terra e non si rialza più, tolto un paio di conclusioni di Di Massimo. Vince la fermana il derby, vince con la grinta ma anche l’abilità del suo mister di cambiare la partita, come aveva chiesto nell’intervallo il dg Fabio Massimo Conti, uno che continua a dimostrare che mercato lo sa fare eccome.

"Abbiamo interpretato bene la partita: dopo un primo tempo in cui la Samb ci aveva schiacciato, abbiamo colto il momento giusto. Ci serviva per la classifica oltre che per i nostri tifosi" commenta a caldo il tecnico Mauro Antonioli, finalmente sorridente.

Raffaele Vitali

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram