Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Cyber security, gli 'hacker buoni' nascono al Montani: "Cinque alunni selezionati per un corso con i migliori universitari italiani"

5 Ottobre 2020

di Raffaele Vitali

FERMO – Il Cyber Challenge parla fermano. E lo fa ad alti livelli, portando cinque alunni del Montani tra i migliori studenti delle università italiane. Prima le selezioni per poter accedere al progetto nazionale che si occupa di formare e sviluppare le competenze nell’ambito della cyber security. Poi il corso che ha portato Matteo Spiga, Gianluigi Andreozzi, Mattia Iachini (VB informatica), Alessio Ciccola (IV A Informatica) e Yacine Boussoufa (IVB Informatica) dentro la Politecnica e l’università di Camerino, entrando in un team.

LA PREPARAZIONE

“Una attività predisposta da ogni università italiana per trovare i migliori alunni tra i 16 e i 23 anni. Si sono confrontati con studenti dei primi anni universitari, qualcuno anche della Magistrale. Questo significa che chi è qui ha superato la prima fase di selezione e frequentato il corso di sicurezza informatica” spiega il professor Pagliari facendo mostrare con orgoglio le targhe ricevute dai cinque alunni.

Sono entrati in un mondo ‘sconosciuto’, anche se vissuto a distanza, trasformando il lockdown in una vera opportunità, accettando il carico di lavoro in più, visto che i corsi erano pomeridiani. “Selezione a febbraio in presenza, l’opportunità è stata data a tutti di partecipare, e poi il corso in piena Dad”.

HACKER BUONI E CATTIVI

Ma cosa significa cyber security: “Esistono gli hacker buoni e quelli cattivi. I buoni son quelli che cercano le vulnerabilità in un sito e anziché usarla per rubare dati, segnala il problema e mira a risolverlo” spiega Spiga. Quella che hanno di fronte è anche una opportunità di lavoro.

Quando uno ha capacità, come questi ragazzi, non bisogna sbagliare la strada da percorrere: “Esistono black hack, grey e white hack: tre livelli diversi che differenziano chi si muove per ‘ricattare’ una impresa scoprendo i bug e chi invece agisce per sanare il problema. L’hacker buono ha davvero fini positivi” proseguono.

IL PERCORSO SCOLASTICO

E sul buono lavora il Montani. “Noi ci impegniamo per accrescere le strategie didattiche. Dove lo studente è interessato per motivazioni personali, l’apprendimento significativo cresce. La scuola deve dare a tutti la possibilità, poi mettendo in gioco le competenze pregresse, emergono ambiti di interesse che prima non si conoscevano e vanno coltivati. Il tutto dentro un panorama di regole.

Offrire una pluralità di proposte permette di trovare le migliori risposte e dare allo studente il contesto da implementare” spiega Stefania Scatasta, da pochi mesi alla guida dello storico istituto. Ascoltano e rilanciano sorridendo i ragazzi: "Nessuna intenzioen di violare il registro elettronico, noi nel caso le falle al sistema le troviamo e le risolviamo"

E ora? “Proseguiamo il nostro percorso didattico, sapendo però che quello che ci incuriosiva prima della selezione oggi è una opportunità. A scuola facciamo un tipo di informatica, mentre la cyber security è un altro ramo, un altro mondo. Eravamo curiosi di capire cosa si celasse dietro a certi sistemi. La privacy la sottovalutiamo, il comprendere perché una mail ti può fare danni è importante”.

IL FUTURO

Esperienza e orientamento, “non pensavo all’università, ora invece mi ha affascinato” sottolinea Yacine, a tutti gli effetti che per Alessandro ha avuto anche un surplus: “Oltre alla selezione iniziale e al corso, ho passato quella che ha creato il team universitario che poi ha sfidato le altre realtà italiane. È stato bello fare parte del gruppo ristretto di Camerino, tra studenti più grandi di me” conclude guardando la maglietta che indossa insieme ai suoi compagni in cui spiccano nomi importanti di enti pubblici e grandi aziende, da Leonardo all’ENI, dove oggi sanno che cinque giovani fermani esistono e in futuro potrebbero essere una vera risorsa.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram