Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Coronavirus, la gente muore. Calcinaro: "Basta con locali e negozi pieni. Sono favorevole a norme più stringenti"

9 Marzo 2020

FERMO – Locali e piazze piene, nonostante gli appelli alla riduzione dei movimenti, a evitare gli assembramenti. Appelli diventai ora norme con il nuovo decreto del Governo. Cosa può fare una amministrazione? “In primis appellarsi al buon senso. Cercare di far capire ai ragazzi e alle famiglie il comportamento da tenere in questa situazione di emergenza”. Ma questo non basta, lo sa bene Paolo Calcinaro, e come lui i colleghi Nazareno Franchellucci e Nicola Loira, che oggi, senza mettersi d’accordo, hanno lanciato lo stesso messaggio a persone ed esercenti: limitare assembramenti, rispettare distanze, ridurre i rischi. "Evitiamo i locali, un sacrificio comune per poi tornare a vivere serenamente ogni giorno".

Serve di più, Calcinaro lo sottolinea con forza: “Non sarebbe sbagliato se venissero decise norme stringenti per tutti. il sacrificio comune è l’unica strada. Poi lo Stato deve pensare a come supplire economicamente”.

La gente continua a non percepire il pericolo, ma solo questa mattina ci sono stati altri quattro morti nel pesarese da Coronavirus. “Quello che possiamo fare è controllare i locali. Ma non solo ristoranti e bar, anche gli esercizi commerciali e di servizi devono mantenere le distanze”. Quindi: “Spetta a tutti di contingentare le entrate. Se serviranno le sanzioni, le useremo, le prevede il decreto. Ma un ruolo chiave lo devono avere le famiglie, soprattutto per i giovani. Poi per quanto mi riguarda le pattuglie dei vigili gireranno e sono sicuro che sarà così anche per quelle delle forze dell’ordine”.

Che senza scuole non sanno dove andare. “Possono ritrovarsi anche in due o tre, non per forza i venti. Ci vuole attenzione”. Anche perché ancora il livello di emergenza non è al massimo. I casi sono pochi rispetto al nord della regione, ma tutto potrebbe cambiare velocemente: “Misure restrittive complicano la vita a tutti. Ma sono l’unica via. Pensiamo ai ristoranti, ma ci sono gli asili nido, in primis quelli privati. Stiamo pensando di aiutarli, magari sulla Tari, solo che gli interventi devono essere altri, dal Governo”.

Raffaele Vitali

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram