Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Coronavirus e imprese. Verducci: "Cassa integrazione per artigiani, voucher baby sitter. Nessuno perderà il lavoro". E chi può si ingegna e punta sul web

11 Marzo 2020

di Raffaele Vitali

FERMO – Non sarà facile resistere, ma i commercianti ci provano. Chi non vuole abbassare la saracinesca per venti giorni, “ma come faremo?” sottolinea uno dei commercianti di piazza del Popolo a Fermo che con l’orologio in mano attende le 18 per chiudere, deve ingegnarsi. Chi lavora nel settore del food punta sulla consegna a casa. Con tutti i rischi del caso, perché bisogna saperla fare e non è detto che in poche ore si passi da ristoratori a food delivery. Ma è chiaro che non avendo più sala in tanti devono mandare in ferie o in cassa integrazione i dipendenti.

“Tantissimi in queste ore sono costretti a sospendere o ripensare la propria attività.  Ma nessuno deve perdere il lavoro. Nessuno deve essere costretto a chiudere l'azienda o a rinunciare alla professione. Nessuno deve perdere stipendio o liquidità. Stiamo facendo del tutto” sottolinea il senatore Francesco Verducci.

“Nessuno sarà solo” promette il senatore, che siano imprenditori, artigiani, partite Iva. Sconfiggere l'epidemia ha ripercussioni enormi sulle attività produttive e sulla possibilità dei cittadini di spendere. Ripercussioni che vanno fronteggiate, da subito. “Verranno sospese tutte le scadenze di pagamento, tutte le tasse, mutui, bollette e tributi. Da subito. Verrà predisposta la cassa integrazione per tutte le categorie, in particolare per le piccole aziende, a cominciare dalle artigianali con 4-5 dipendenti” riprende il senatore che ha anche la certezza dell’ampliamento del fondo di garanzia per le piccole, medie e micro imprese.

Ci sono poi le famiglie: “Verranno introdotte misure di indennizzo e di sostegno in particolare per chi in questo momento non può andare al lavoro e ha i bambini in casa. Per questo ci saranno misure anche per i Comuni in modo che i servizi sociali possano ampliare il loro intervento. Sono a rischio i più deboli nella salute e i più 'piccoli' nell'economia che sono il nostro tessuto vitale. Noi ci siamo e ce la faremo”.

Nel dettaglio, Verducci anticipa che “oggi votiamo lo scostamento di Bilancio, che da 7,5 miliardi previsti invece raddoppierà. La situazione è talmente drammatica che le misure dovranno essere poi continuamente alimentate. Il tema vero è non interrompere la catena produttiva e alle partite iva di proseguire”. Il Paese deve immaginarsi per due settimane in ferie forzate ma “non possono essere scaricate sui lavoratori, per questo interverremo. Noi dobbiamo essere sicuri che nessuno perda il proprio posto di lavoro”. E questo lo ha garantito anche il presidente di Confindustria nazionale Boccia. Si spera anche per i settori turismo e cultura, che sta particolarmente a cuore al senatore Verducci “ma che è molto complicato da sostenere, visto che nello spettacolo dal vivo predominano le società individuali”.

E intanto, c’è chi si organizza, come i giovani e dinamici titolari di ‘Moda con Amore’ che sotto i portici di piazza del Popolo hanno appeso un enorme cartello con scritto: ‘Spediamo a casa’. Non resta che ordinare.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram