Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

FERMO – La prima masterclass di Fendi, realizzata all’interno dell’Ipsia Ricci di Fermo, si è chiusa con tanto di consegna dei diplomi. Un’iniziativa fondamentale per avvicinare le nuove generazioni alla manifattura, formando e no limitandosi a ‘prelevare’ i migliori già strutturati dalle aziende locali per portarli dentro i padiglioni delle fabbriche del lusso.

Un percorso biennale polifunzionale per la calzatura di lusso frutto del progetto ‘Adotta una scuola’ promosso dalla fondazione Altagamma che ha come obiettivo la promozione del ‘saper fare italiano. “Vogliamo ridurre la disoccupazione giovanile e consolidare l’alleanza scuola-impresa”.

Sono quindici gli allievi che hanno portato a termine questo programma che li ha coinvolti durante il quarto e quinto anno scolastico: Angelica Abascià, Sofia Amici, Alessia Balla, Monia Cameli, Barbara Castagna, Daniela Chira Pardo, Beatrice Giommarini, Jetmira Ismani, Marco Massari, Corinne Merlonghi, Camilla Monasteri, Mylenna Rodrigues, Azzurra Silenzi, Sofia Stefoni, Nicole Trobbiani.

Per tutti, consegna del diploma davanti alle famiglie che hanno potuto visitare lo stabilimento e capire dove hanno passato le ore di laboratorio figli e nipoti grazie allo stage. Per alcuni di loro, a settembre le porte dello stabilimento di Campiglione si apriranno di nuovo, visto che sono stati scelti per un tirocinio post diploma propedeutico, se sapranno farsi valere, all’assunzione.

Esperienza terminata, quindi, per la prima FENDI Shoes Masterclass. Ma è solo la prima. “Dopo l’avvio della seconda “edizione”, Fendi – sottolinea la dirigente Annamaria Bernardini - ha confermato la partnership con l’Ipsia “Ostilio Ricci”, con l’intento di suscitare vocazioni, di raccontare l’importanza e le potenzialità dell’artigianato, per dirlo con le parole del Ceo Serge Brunschwig che, in una recente intervista (al nostro quotidiano – leggi), ha sottolineato anche la necessità di coinvolgere le famiglie dei giovani per far comprendere loro l’unicità di questa figura professionale. Il Ceo ha ribadito: ’Chiamiamoli, se vogliamo, artigiani. Bisogna far capire anche alle famiglie la bellezza del lavoro manuale, del rendersi protagonisti. Silvia FENDI si definisce un’artigiana, questo già fa capire il valore che dà. Tra disegnare e fabbricare un prodotto c’è una differenza? In realtà in questo luogo si pensa e si produce; quindi, si è parte dello stesso percorso’. E su questo continueremo a lavorare”.

Il team che ha permesso di concludere la prima masterclass è corposo: le docenti Carmela Calabrò e Silvia Moriconi, lo staff di Fendi con Giulia Moranti (Legal & External Affairs HR Manager Corporate), Massimo Fabbri (Legal & Public Affairs Manager), Andrea Monti (HR Manager Industrial FENDI – LVMH), Alberto Pierotti (Industrial Director Shoes) e Lucia Luciani (Shoes Plant HR Associate). I ragazzi, sorridenti, ora si godranno qualche settimana di vacanza, poi si metteranno in gioco, chi dentro fendi, chi in altre aziende della moda desiderose di testarne la preparazione griffata.

Print Friendly, PDF & Email
Post Views: 2.422
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram