Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Assicurazioni low cost, ma finte: la truffa che preoccupa la Polizia. E intanto i ladri entrano nelle case abitate

1 Settembre 2020

FERMO – Un truffatore i meno, due ladri in fuga. “Sempre più spesso le assicurazioni obbligatorie per la circolazione dei veicoli a motore vengono stipulate on line, approfittando di offerte vantaggiose in termini economici” sottolinea in una nota la questura di Fermo. E l’ultimo caso ne è la prova.

I cittadini si fanno attrarre dal grande risparmio e dimenticano di verificare la compagnia, dei semplici click su internet per venire a conoscenza “della assoluta inaffidabilità della stessa per la mancanza di trasparenza nelle operazioni e per numerosi “disguidi” segnalati on line dalla maggior parte dei cittadini che, dopo aver effettuato il pagamento, non avevano ricevuto la polizza e si erano dovuti rivolgere ad un legale per la tutela dei loro diritti, affrontando ulteriori spese”.

Un cittadino fermano si è accorto della truffa a seguito di un semplice controllo da parte degli agenti. Fermato, era convinto di essere in regola quando ha scoperto che la vettura era priva di assicurazione. Ma lui aveva stipulato una polizza, con tanto di pagamento effettuato. Mancando sia l’uno sia l’aaltro, è svcatatata la multa e il sequestro del veicolo, tra l’altro in caso di incidente avrebeb avuto conseguenze dirette sul proprio patrimonio.

A quel punto l’uomo è andto in questura per presentare denuncia di truffa. I pochi attimi gli agenti son risaliti alal carta usata per il pagamento, risultata bloccata poco dopo aver ricevuto ilversamento, e poi ai vertici della compagnia, ovvero una cinquantenne campana, subito denunciata. Truffatrice scoperta, ladri a Porto San giorgio invece ancora in fuga. “Non hanno più paura di nulla, studiano il colpo, capiscono come muoversi dentro le case ed entrano, anche se tu sei in zona” spiega il dottor Renzo Petrozzi, ultima vittima dei delinquenti.

Lui, insieme con la famiglia, stava cenando al piano terra. Il figlio è salito al primo piano e si è accorto che c’era la luce di una torcia che si muoveva. Erano i ladri. Il dottore e la famiglia hanno cominciato a urlare e i due sono scappati, sapendo esattamente come muoversi e dileguandosi in via Giotto. C’è chi ha udito anche un paio di spari. “Viviamo in un posto tranquillo, ma i fatti dimostrano che non è affatto così e il tema della sicurezza deve stare in cima all'agenda di ogni amministrazione” conclude Petrozzi.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram