Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Approvato il decreto sisma: ecco quello che cambia e migliora

11 Dicembre 2019

AMANDOLA- Eccolo il decreto sisma. un po’ emendato, un po’ confermato, un po’ apprezato, da molti criticato. Ma ormai approvato in via definitiva dal Senato, con voto di fiducia.

Dalla proroga a tutto il 2020 dello stato di emergenza per le regioni del Centro Italia colpite dal terremoto del 2016 allo stop dell'aumento dei pedaggi autostradali, fino alla semplificazione e accelerazione della ricostruzione privata. Dentro ci rientra anche il terremoto dell’Emilia e quello di Ischia, oltre a provvedimenti ad hoc per Venezia e Matera.

Entrando nel merito: viene prorogato fino al 31 dicembre 2020 lo stato di emergenza nelle quattro regioni del Centro Italia colpite dal terremoto del 2016 (Lazio, Abruzzo, Marche, Umbria). Viene poi differito senza applicazione di sanzioni e interessi, il pagamento delle rate dei mutui concessi da Cdp ai comuni, in scadenza negli esercizi 2018, 2019, 2020 e 2021. Confermata e prorogata fino al 1 gennaio 2021 la sospensione del pagamento delle bollette di acqua, luce, gas per gli immobili danneggiati e inagibili, siano essi casa di abitazione, studio professionale o azienda. Estesa la platea dei comuni che possono accedere al fondo di 5 milioni per la messa in sicurezza di strade e infrastrutture. Confermata la priorità per la ricostruzione agli edifici scolastici e universitari. Sempre per accelerare la ricostruzione, anche privata, viene introdotta una procedura straordinaria e semplificata per la richiesta di contributo, che sarà concesso sulla base di un ordine di priorità: unità immobiliari destinate ad abitazione principale; attività produttive in esercizio al momento del Sisma. Rientrano tra le risorse previste dal decreto anche i 100 milioni di euro risparmiati da Montecitorio e destinati dal bilancio della Camera ai comuni del Centro Italia sotto i 5mila abitanti. “Viene confermato per altri due anni, fino al 31 dicembre 2021, lo stop all'aumento dei pedaggi sull'Autostrada dei Parchi (A24 e A25). Infine, è prorogata fino al 31 dicembre del 2020 la sospensione dei mutui privati su immobili inagibili nei comuni dell'Emilia Romagna e del Veneto colpiti dal terremoto del 2012, così come la sospensione delle rate dei mutui concessi da Cdp ai comuni dell'Emilia Romagna”. 

Soddisfatto il deputato 5 Stelle Giorgio Fede, esponente piceno: “Conosco il senso di sconforto e frustrazione in cui vivono migliaia di cittadini, come in tanti comuni delle mie Marche, che hanno perso tutto a causa del terremoto. Per questo, senza troppi squilli di tromba, con questo decreto abbiamo voluto portare a casa quelle piccole semplificazioni e quei cruciali alleggerimenti fiscali indispensabili nei comuni interessati da eventi sismici. Sblocchiamo l'ordinanza 80 per le varianti in corso d'opera al 30% per la ricostruzione leggera e proroghiamo al 30 giugno 2020 il termine per presentare la documentazione della ricostruzione per danni lievi”.

Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram