Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Allarme della Direzione Antimafia: le cosche del crotonese in azione nel Fermano. "Droga, immigrazione e cantieri"

22 Settembre 2021

di Raffaele Vitali

FERMO – Cresce il timore della Direzione Investigativa Antimafia per la situazione delle Marche. Da un lato è provato che non si registrano forme di stabile radicamento delle 'mafie tradizionali'. Dall’altro, il tessuto economico, costituito perlopiù da imprese di piccole e medie dimensioni e i finanziamenti pubblici per la ricostruzione post sisma costituiscono elementi che, potenzialmente, potrebbero far gola alla criminalità organizzata.

Nella relazione del ministro Lamorgese in Parlamento, basata sui risultati della Direzione investigativa antimafia nel secondo semestre 2020, è emerso che “la mafia potrebbe approfittare delle attuali difficoltà economiche in cui versano alcune imprese marchigiane ai fini di riciclaggio dei capitali illeciti, ricorrendo anche alla pratica dell'usura nei confronti sia dei singoli cittadini che dell'imprenditoria".

Da qui l’appello alle forze dell’ordine perché intensificano la vigilanza, in particolare nella zona del cratere. “Le consorterie potrebbero tentare di infiltrarsi nell'aggiudicazione degli appalti e dei subappalti pubblici e privati a svantaggio delle imprese sane per trarre profitti da impiegare ulteriormente in altri canali dell'economia legale".

A preoccupare, in particolare, è l’avanzata della criminalità organizzata calabrese. A Fermo e Macerata, secondo la Dia, ci sono evidenze di un interessamento delle cosche del crotonese, mentre a San Benedetto del Tronto sono stai individuati elementi della ‘ndrangheta del catanzanese.  Nel pesarese, invece, già scoperti soggetti riconducibili alle cosche dell'area reggina.

Principalmente si occupano di stupefacenti, spesso attraverso un pendolarismo criminale finalizzato alla commissione di reati predatori (rapine e furti). “La regione – ha ribadito la ministra dell’Interno - è contraddistinta anche dalla presenza di gruppi delinquenziali di matrice etnica, principalmente nigeriani, albanesi, rumeni e cinesi. Un consolidamento costante nel tempo, agevolato dall'assenza di sodalizi autoctoni, che ha permesso di aumentare il potere sul territorio tra droga, immigrazione clandestina e prostituzione”.

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram