Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

600mila euro di motivi per essere felici: Monterubbiano riabbraccia la Collegiata e il dipinto del battesimo di Gesù

13 Settembre 2021

MONTERUBBIANO - Riapertura della chiesa di Santa Maria dei Letterati e riconsegna del “Battesimo di Cristo” di Martino di Patrignone. Domenica di festa per Monterubbiano, dove è stata riaperta la Collegiata con la messa celebrata dall'arcivescovo Rocco Pennacchio.

«La riapertura di una chiesa – ha detto durante l'omelia – è l'occasione per mettere al centro la nostra identità di comunità cristiana ed ecclesiale. Spesso ci sentiamo comunità e ci teniamo che i nostri segni storici e religiosi vengano apprezzati e custoditi. Ma chiediamoci veramente se questo affetto verso centri religiosi e chiese fatte di mattoni abbia una radice, oppure se troppo spesso la semplifichiamo in una forma di appartenenza che scade anche nel campanilismo».

«Ciò che raggiungiamo oggi è l’esempio concreto che, quando si lavora insieme, si va lontano e si costruiscono cose importanti per le nostre comunità e per le future generazioni», le parole della sindaca Meri Marziali che ha ringraziato l'ex prima cittadina, Maria Teresa Mircoli, «per essersi spesa con la tenacia che la contraddistingueva affinché tale progetto potesse concretizzarsi» e don Leonello Marchionni «che avrebbe sicuramente gioito della riapertura della nostra amata Collegiata». Alla cerimonia non è voluta mancare neppure la presindete della Provincia, Moira Canigola.

Pagati per tre quarti coi fondi dell'8 per mille, i lavori sono costati circa 650mila euro e hanno riguardato il miglioramento sismico, il rinforzo della copertura e il restauro e il consolidamento delle capriate esistenti. «L’orditura secondaria – ha spiegato la progettista e direttrice dei lavori, Dania Cataldi – è stata completamente rinnovata. È stato effettuato il rifacimento del sistema di impermeabilizzazione e l'inserimento del sistema di deflusso delle acque che prima la chiesa non aveva. Inoltre, il campanile francescano a vela che si trovava in uno stato di degrado totale è stato completamente restaurato».

Restaurata anche la facciata principale e tutto l’apparato decorativo interno e il sistema voltato della navata principale e laterale e del presbiterio, fino al cornicione sommitale. «Purtroppo – ha aggiunto l'architetta – sono stati esclusi i paramenti verticali, perché, a seguito delle infiltrazioni subite negli anni dai tettini laterali, abbiamo visto che il livello granolumetrico dell’umidità degli intonaci era troppo alto è, quindi, è stato impossibile eseguire il restauro».

Sempre ieri, è stata riconsegnata ai monterubbianesi l'opera di Martino Bonfini di Patrignone custodita nella chiesa dei Santi Giovanni Battista e Evangelista, restaurata grazie alla Confraternita del Santissimo Crocefisso. Nel quadro, realizzato prima del 1624, Gesù è raffigurato con indosso un telo, inginocchiato sopra una roccia nel mezzo di un corso d'acqua, il fiume Giordano, mentre riceve il Battesimo da parte di Giovanni, in piedi a sinistra. Assistono alla scena due angeli che, dietro alla figura di Cristo, sorreggono le sue vesti. Mentre dal cielo scende una colomba, simbolo dello Spirito Santo.

«Nel 2002 – ha ricordato Ludovica Tassotti dell'Ufficio turistico – la tela è stata oggetto di un furto che ne ha definitivamente compromesso la conservazione». Nel 2012, i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale l'hanno ritrovata nel magazzino di un restauratore di Macerata e riconsegnata alla Confraternita che l'ha custodita nel magazzino della Collegiata fino al restauro, avvenuto dal 25 agosto al 16 ottobre 2020.

«Come Amministrazione – ha promesso Marziali –, faremo in modo di valorizzare quanto più possibile un percorso turistico tra le tante chiese del nostro territorio, incrementando l'attività di promozione a livello nazionale e internazionale».

Francesca Pasquali

Print Friendly, PDF & Email
Raffaele Vitali - via Leopardi 10 - 61121 Pesaro (PU) - Cod.Fisc VTLRFL77B02L500Y - Testata giornalistica, aut. Trib.Fermo n.04/2010 del 05/08/2010
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram