Fusioni e accordi per crescere: ecco la Fermana del futuro. 'I giovani calciatori devono sentire l'orgoglio della maglia canarina'

fermagiova

Dispiace per il Campiglione, “problemi logistici”, e la Afc Fermo che hanno deciso di non prenderne parte. “Noi andiamo avanti, l’obiettivo è fare della Fermana il primo settore giovanile del Fermano.

FERMO – Giovani canarini crescono. Ci tiene il presidente Umberto Simoni al settore giovanile. Al suo fianco i vertici di tre società fermane: Santa Caterina, Tirassegno e Futura 96. “Dopo tanti anni siamo riusciti a metterci insieme”. La Fermana è un primus inter pares, ma non la prima della classe. Lo ribadisce il presidente che cita Vecchiola e il suo ‘si vince solo se si fa squadra’ regalato ai ragazzi del Carducci Galilei durante un incontro. “Un motto per i giocatori, ma anche per la società. i risultati si ottengono unendosi”. È soddisfatto: “Collaborare è fondamentale”. A seguire il percorso è stato il dirigente canarino Andrea Tubaldi.

“Riunione dopo riunione con le società abbiamo trovato l’intesa, grazie anche all’assessore allo Sport Alberto Scarfini che ha seguito ogni step. Questo è un passaggio epocale che porterà importanti frutti nel futuro, sia a livello di calcio giocato, sia a livello sociale” aggiunge il Dg Fabio Massimo Conti. “Speriamo che questo riavvicini anche le persone allo stadio, in primis le famiglie. Noi coinvolgiamo i ragazzi e proviamo ad appassionare i genitori di chi si iscrive alla scuola calcio e ci gravita attorno. Il brand Fermana sarà il cappello del calcio locale, in modo da creare identità e appartenenza alla maglia”.

Non facile arrivare a unire 5 settori giovanili. “Siamo partiti da qui, dal far capire che non c’era futuro in questo modo. Sembrava impossibile e invece siamo qui a presentare un camp nelle prime due settimane di luglio che organizziamo come fermana e tre società cittadine” spiega Tubaldi. Prima è arrivata la Futura, ora il Tirassegno, che confluirà i giocatori e avrà dei dirigenti all’interno dello staff Fermana. “Con il Sanata Caterina ci sarà un’affiliazione. Siamo già d’accordo su alcuni giovani e a gennaio decideremo definitivamente se fonderci”. Dispiace per il Campiglione, “problemi logistici”, e la Afc Fermo che hanno deciso di non prenderne parte. “Noi andiamo avanti, l’obiettivo è fare della Fermana il primo settore giovanile del Fermano. Se questo non avverrà, avremo fallito e io sarò il primo a saltare. Qui si guarda ai ragazzi, no alle poltrone, come hanno invece preferito altre realtà”.

Il camp per i bambini e bambine dai 5 ai 12 anni si terrà allo Spinnaker con tecnici e giocatori della Fermana. “Il Santa Caterina invece organizzerà un camp dedicato ai portieri”. L’obiettivo è trovare campioncini locali: “Servono gli autoctoni, servono anche per riavvicinare il pubblico. ci lavoriamo, ci vuole tempo, ma siamo fiduciosi. Finalmente arrivano richieste di ragazzi che vogliono fare provini con la Fermana, questo è il segnale da cui partire”. L’ultimo appello: “Servono risorse, simo aperti a tutti”. Scarfini è l’assessore che ha saputo unire nelle iniziative Fermo e Porto San Giorgio, non poteva tirarsi indietro di fronte a questa sfida: “Noi dobbiamo dare possibilità ai ragazzi. La Fermana in serie C è una possibilità. Poi, che il progetto possa ampliarsi ne sono certo. Intanto sport sicuro e qualità sono qui attorno al tavolo”.

La Futura da due anni ha ceduto il settore giovanile alla Fermana, Tirassegno da quest’anno cede il settore giovanile alla Fermana, Santa Caterina invece siamo all’affiliazione, ma già ci sono tre giovani che passeranno alla Fermana. “Passare alla Fermana non significa acquisire i settori giovani, ma gestire le società. non siamo i padroni, i ragazzini sono proprietà dei genitori, non dobbiamo mai dimenticarlo”.

Parlando di numeri: oggi la Fermana conta su due squadre allievi Under 17, due di giovanissimi, 1 Under 13 e la scuola calcio con 50 ragazzi. Il prossimo anno, crescendo, ci saranno Allievi nazionali e regionali, Under 16 nazionali, Under 15, Under 13 nazionale che quest’anno ha sfidato squadre di serie B e la confermata scuola calcio che si terrà al Recchioni con parte agonistica e non, in cui tutti giocano.