Il ko fa male. Ciani: Dobbiamo imparare a vivere la negatività. Reagiremo subito

cisniparla5

Dall’altra parte, l’ex illustre di giornata, il coach Gabriele Ceccarelli, ha avuto sensazioni positive al termine della partita della sua Piacenza.

di Chiara Morini

PORTO SAN GIORGIO – Dalla gioia alla delusione in sette giorni. “Dopo Imola eravamo, ovviamente, contenti. Oggi non lo siamo e i motivi sono gli stessi”. L’analisi di coach Franco Ciani nel post partita persa dalla Poderosa contro Piacenza fa capire che la squadra non è riuscita a mettere in pratica il piano partita stabilito alla vigilia.

“Un inizio complesso, per noi, difficile – le parole di Ciani – poi siamo stati bravi a girare la partita. E quando la direzione era cambiata, abbiamo smarrito il filo logico di quello che fino a quel momento è stato un parziale pazzesco”. Lo svantaggio annullato e 15 punti di distacco momentaneo conquistati non sono bastati. “Abbiamo mostrato tutti i nostri limiti – prosegue – Alcuni episodi ci hanno penalizzato, è vero, ma il fatto è che non abbiamo attuato il piano difensivo che ci eravamo prefissati. Dobbiamo imparare a vivere bene sia la positività che la negatività. Reagire, insomma, in caso di problemi, altrimenti c’è il rischio che finisca sempre come oggi”.

Dall’altra parte, l’ex illustre di giornata, il coach Gabriele Ceccarelli, ha avuto sensazioni positive al termine della partita della sua Piacenza. “Ci siamo riscattati dopo la brutta esperienza della scorsa settimana – le sue parole – Abbiamo provato a giocare 1 contro 1, e abbiamo anche cercato di limitare Thomas. Ma la nostra vittoria non sta qui, sta nella nostra difesa di squadra, nel sorriso di Piccoli, e in Ferguson, che ha fatto il resto, quello per cui del resto è stato preso. I 16 punti consecutivi di Montegranaro? Abbiamo smesso di giocare di squadra”.