11172019Dom
Last updateDom, 17 Nov 2019 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Che il campionato abbia inizio: l'abbraccio dei baby cestisti per la nuova Poderosa

pode2019
podedani0

I fratelli Ronny e Riccardo sono fiduciosi: Ci presentiamo davanti ai giovani della Poderosa e alle loro famiglie. Grazie a loro e agli sponsor che ci supportano la Poderosa va avanti.

di Raffaele Vitali

MONTEGRANARO – Un anello giallo e blu dentro la Bombonera, il sole che fa capolino tra le nuvole, la Poderosa si presenta alla città trascinata dalla verve di Daniela Gurini.” Dobbiamo essere orgogliosi delle nostre società. E la città deve imparare a sostenerle tutte. La società Poderosa ci ha regalato in questi anni spettacoli meravigliosi. Chi ama il basket non può non seguire questa bella squadra. Vi auguro le migliori soddisfazioni. Una squadra rinnovata, che ha bisogno di rodaggio, ma conoscendo la tenacia della famiglia Bigioni e del coach, non ho dubbi che i giovani sapranno farsi notare” sottolinea il sindaco Ediana Mancini.

I fratelli Ronny e Riccardo sono fiduciosi: “Ci presentiamo davanti ai giovani della Poderosa e alle loro famiglie. Grazie a loro e agli sponsor che ci supportano la Poderosa va avanti. Siamo al terzo anno di serie A2 e siamo contenti della squadra allestita. Abbiniamo giocatori di esperienza a giovani promesse affidate a uno staff tecnico di livello. Aspettiamo tutti i tifosi al PalaSavelli per divertirci insieme” prosegue l’ad Ronny Bigioni. Si parte da Imola. “Un orgoglio tornare in campo, ma orgoglio è il nostro settore giovanile sempre più numeroso che aggrega società e oggi ci porta a trecento bambini” riprende Riccardo Bigioni.

C’è l’Amministrazione al fianco della Poderosa, anche con l’assessore Endrio Ubaldi: “Fino a 16 anni sono stato un giocatore, ma la passione non è mai scesa. Dico grazie per i risultati, ma dico grazie anche per come state gestendo i rapporti con l’altra società cittadina, la Sutor, con cui condividete la Bombonera. La squadra mi piace, un mix tra giovani ed esperti. Se i play fanno qualche punto in più abbiamo un equilibrio ottimale grazie a due ottimi americani”. Non ci sarebbe basket senza Fip, ovvero la federazione: “Montegranaro è una delle eccellenze regionali da anni. Spero che il PalaSavelli – ribadisce Amedeo Paniconi - si riempia, lo merita il lavoro della società per rendere la squadra sempre più territoriale”. Indossata la canotta del capitano, Daniela Gurini presenta i giocatori.

Il primo a entrare è James Thompson IV, per la prima volta in campo fuori dagli Usa. A seguire l’ala Gabriele Miani da Codroipo, forse la possibile sorpresa della stagione. Da anni gialloblù è Giuseppe Angellotti, baciato dalla tecnica e un po' meno dall’altezza, diventata ormai un requisito per essere protagonista tra i professionisti, ma è stabilmente nei 12. Punto fermo è Martino Mastellari, da cambio ad ala piccola titolare. Cresciuto a Trento, esperienza in serie A, ecco Luca Conti, uno dei talenti che deve esplodere per cambiare la stagione e le prospettive alla squadra dei Bigioni. Il barbudos è Davide Bonacini, ex bandiera di Forlì che voleva nuovi stimoli. Con 212 centimetri dalla Virtus è arrivato Matteo Berti. Le mani calde sono quelle di Aaron Thomas, guardia che già ha bruciato retine in A2 a Scafati. Anima del gruppo, voglia di lottare e di migliorarsi, è il pivot bonsai Valerio Cucci, uno che non vorresti mai trovare come difensore. Cresciuto a Porto San Giorgio, tecnicamente a Pesaro, Michele Serpilli, il quattro che si sente un tre e che deve assolutamente sbocciare. Infine il capitano, Matteo Palermo: è il più sorridente, quello che deve far respirare il profumo di Montegranaro ai compagni. “Una fascia pesante, un ruolo delicato, ma lo affronto cercando di fare il meglio possibile. il campionato è tosto, sarà molto combattuto. Mancano le big come Treviso e Bologna, ma chi sogna di andare in A non manca” spiega il numero 12 gialloblù.

Dietro ai giocatori c’è lo staff tecnico: Francesco Tubiana è il terzo, vice allenatore, confermatissimo, è Stefano Vanoncini. Coach, voluto e preso, è Franco Ciani che torna nelle Marche dopo l’esperienza a Osimo. “Chi vive di basket conosce Montegranaro per la sua passione e competenza. Mi aspettavo un’accoglienza calda e questo mi ha aiutato a scegliere”. Squadra rinnovata che deve far innamorare il pubblico: “È un gruppo nuovo, ci sarà un periodo di adeguamento sperando che sia il più breve possibile. Tra 24 ore la prima palla a due, ma dateci un po’ di tempo per vedere la vera Poderosa. Di certo in campo andremo per vincere”. Si aspetta un campionato tosto: Meno squadre, più qualità perché i giocatori migliori si sono addensati in pochi roster. Tra play off e play out ci sarà una differenza minima. Noi – conclude il coach - dovremo giocare vivendo in una trincea costante speranza di arrivare dove…non osiamo neppure dirlo”.

Serviranno gambe toste e a queste deve pensare Filippo Sappa, promosso dopo un anno con il settore giovanile. Confermato il mondo Works per recuperare da ogni infortunio con Marco Minnucci e Alessandro Partenza, intoccabile il medico Federico Belletti. Dietro la squadra Riccardo e Alessandro Bolognesi, in regia amministrativa Vittorio Perticarini. E poi c’è Francesco Intendente, responsabile degli arbitri e uomo simpatia. Si chiude così una presentazione sobria, anche perché i giocatori tra poco scenderanno in campo e le gambe devono essere fresche. Due tiri con i baby cestisti, un pezzo di pizza, una birra e via verso Imola: il campionato ha inizio.

 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Sauro Longhi, il rettore della contaminazione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.