02192019Mar
Last updateMar, 19 Feb 2019 3pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Micam2019

Tra aziende chiuse e mercati in crisi, calzaturieri al Micam per vendere. 'Momento chiave'

Gianluca Mecozzi Paolo Silenzi ciccola

Momento chiave della stagione, ancora di più per le Marche che sono la realtà più in difficoltà. “Il Micam è il riferimento per il nostro distretto che ci arriva ferito".

FERMO - “Siamo pronti. Con che spirito? Difficile dirlo. Ma una cosa è certa, l’imprenditore che parte per Milano ha un solo obiettivo: conquistare i buyer”. “Edizione difficile e scarso ottimismo, ma chi può non rinuncia”.

Mai come oggi la lettura del pre Micam unisce industriali e artigiani. La prima frase è di Enrico Ciccola, presidente dei calzaturieri di Confindustria centro Adriatico; la seconda è di Gianluca Mecozzi, portavoce calzatura Cna Fermo. Due volti diversi, due imprese differenti ma un unico obiettivo: tornare dal Micam con gli ordini. Entrambi fanno parte della delegazione di 119 aziende che dal Fermano-Piceno partono in direzione Rho con le valige piene del campionario autunno – inverno. Il perno resta Montegranaro con 43 imprese, seguita da Porto Sant’Elpidio con 18, Sant’Elpidio a Mare con 17, Fermo con 13, Rapagnano – Monte San Pietrangeli 8, Monte Urano 7, Torre San Patrizio-Falerone 6. Sette sono quelle che arrivano dal Piceno.

Momento chiave della stagione, ancora di più per le Marche che sono la realtà più in difficoltà. “Il Micam è il riferimento per il nostro distretto che ci arriva ferito. Lo dicono i numeri elaborati dal centro studi di Confindustria per Assocalzaturifici: -138 aziende nelle Marche, dove hanno perso il posto tra calzaturieri e accessoristi oltre mille addetti. Eppure, siamo qui a Milano per confermare gli ordini di un anno fa, per cercare di intercettare nuovi clienti, di incuriosire con le nostre collezioni i buyer. Lo facciamo consapevoli che il Paradiso è ancora lontano, proprio come ha ribadito presentando l’87esima edizione della fiera la presidente di Assocalzaturifici Annarita Pilotti” prosegue Enrico Ciccola.

“Segnali di ripresa concreti tardano ad arrivare. Sussistono ancora ostacoli come embarghi, dazi, svalutazione delle monete, incertezze date dai governi, che determinano cali dei volumi export in paesi cardine per l’economia calzaturiera, come la Russia che segna ancora -19%. Se tengono bene Svizzera e Olanda, si confermano inaffrontabili invece gli Stati Uniti, che chiedono prodotti di alta qualità a prezzi quasi irrisori” ribadisce Mecozzi, che chiaramente rappresentando gli artigiani vede l’America ancora più lontana.

Ma anche di Stati Uniti parleranno gli imprenditori lunedì mattina con il vicedirettore del Sole 24 Ore al Micam durante un incontro voluto dal distretto fermano per ragionare sui mercati, sugli scenari presenti e futuri. “Parleremo di opportunità, ma anche delle minacce, dell’instabilità che insiste sul commercio, dalla Brexit al ritorno dei dazi in alcuni paesi, passando però per i mercati del futuro come Africa o India. E lo faremo dialogando con il vicedirettore del Sole 24 ore, Alessandro Plateroti. Il tutto senza mai dimenticare il punto fermo: il made in Italy” ribadisce Ciccola. All’incontro prenderà parte anche la regione Marche, con l’assessora Manuela Bora, a cui il presidente della Cna manda un primo messaggio: “A breve la Regione fisserà il piano 2019-2021 per internazionalizzazione e promozione all’estero. Se la fiera è solo una delle fasi di un lavoro che continua tutto l’anno, le politiche di scambi internazionali devono perdere il carattere di occasionalità avuto fino ad ora. Per sostenere la competitività delle Pmi l’internazionalizzazione deve diventare strumento ordinario per interventi di respiro strategico” chiosa Paolo Silenzi, presidente Cna Fermo.

Una richiesta che si va a sommare ad altre che verranno affrontate fin da domenica dalla Pilotti con il ministro Di Maio. Una su tutte per Ciccola: “Politiche fiscali mirate che tutelino e rilancino un settore come il nostro che ha un ampio e necessario impiego di manodopera e che altrimenti non può competere contro il dumping fiscale di altri Paesi anche europei”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.