Editoriali

La terra trema, sveglierà la politica?

rafsmilenuova

Serve un ministro o un sottosegretario delle Marche completamente dedicato alla ricostruzione.


Il centro Italia trema ancora. E pure forte, perché una scossa di 4.1, seguita da un altro paio superiori a 3, fa davvero paura. Ma per fortuna, niente danni. D’altronde, è l’amaro commento di chi si trovava in zona tra Arquata e Norcia, non c’è neppure più niente da rompere. È tutto fermo, immobile, al massimo la terra che trema sposta di qualche centimetro uno dei mattoni delle case devastate tra anni fa.

Quello che le nuove scosse ricordano in piena notte alla gente, e si spera alla politica, è che l’emergenza non è mai finita. Anche perché non essendoci ricostruzione, è difficile smettere di usare quella parola. Per una volta però la natura con la sua forza arriva al momento giusto, non avendo fatto danni, perché a Roma si sta giocando la partita del governo. E in questo match in cui nessuno vuole perdere, nello sport è impossibile ma in Parlamento succede, deve tornare protagonista la ricostruzione. Prima l’assessore regionale Cesetti, poi il presidente delle Marche Ceriscioli, hanno avanzato una richiesta chiara: un ministro o un sottosegretario delle Marche completamente dedicato alla ricostruzione. Una richiesta al premier incaricato Conte, ma anche al Partito Democratico che entrando nel Governo deve incidere, visto che governa, almeno per qualche altro mese, le tre regioni più colpite: Umbria, Lazio e Marche.

Tremi la terra, ma non spaventi i turisti: i Sibillini stanno bene, hanno recuperato i loro spazi, hanno riaperto sentieri, hanno musei da scoprire, vedi quello dei fossili di Montefalcone, hanno cibo e B&b sparsi in angoli nascosti, insomma han tanto da dare. L’hanno detto e scritto: siamo più resilienti che residenti, ma chi ama la sua terra resiste, non se ne va, alza la voce e si rimbocca le maniche. Ma non basta, perché tra natura e politica sembrano dover lottare contro tutto.

* direttore www.laprovinciadifermo.com - presidente Cronisti Marche - @raffaelevitali - redazione@laprovinciadifermo.com - facebook/raffaelevitali